Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Massimo Bochicchio morto, ipotesi malore. Il corpo carbonizzato «riconosciuto dai brandelli di vestiti». Sospeso il processo

Il processo del broker accusato di aver truffato vip e personaggi dello sport rinviato a settembre: Il tribunale in attesa del certificato di morte

Lunedì 20 Giugno 2022 di Flaminia Savelli
Massimo Bochicchio morto, l'incidente per un malore? Il broker riconosciuto dagli indumenti a brandelli, ma si aspetta l'esame del Dna

Una perizia autoptica per stabilire le cause del decesso e un’indagine genetica per accertare l’identità del corpo. Restano ancora molti i nodi da sciogliere intorno alla morte di Massimo Bochicchio, il 56enne broker dei vip agli arresti domiciliari che ieri si è schiantato contro un muro lungo la via Salaria e che oggi era atteso in aula come imputato.

Massimo Bochicchio, il cognato: «Non è un suicidio. Se avesse voluto uccidersi non l'avrebbe mai fatto così»

Malore o incidente?

È stato intanto nominato il medico legale incaricato dell’autopsia che verrà eseguita nelle prossime ore. L’Istituto di medicina legale del Verano è infatti in attesa della delega. Gli esami saranno determinanti per accertare le cause della morte dell’imprenditore. Una delle ipotesi investigative è che abbia avuto un malore mentre era in sella alla sua BMW: sull’asfalto non sono stati rilevati segni di frenata. Secondo una prima ricostruzione, avrebbe dunque avuto un malore e per questo non avrebbe fatto in tempo a frenare. Ma appunto, è solo una delle piste seguite dagli agenti della Municipale incaricati delle indagini. Intanto domenica la conferma sull’identità di Bochicchio sarebbe arrivata dai brandelli degli indumenti. E dalla targa della moto intentata alla vittima. Ecco perché sono stati richiesti ulteriori accertamenti perché il corpo, avvolto dalle fiamme in seguito allo schianto, non era riconoscibile. L’Istituto di medicina legale nominerà nelle prossime ore un genetista incaricato delle analisi del Dna. Per i risultati saranno necessari dai 3 ai 7 giorni. 

Processo sospeso

Intanto questa mattina è stato sospeso il processo a carico del broker accusato di truffa: in attesa del riconoscimento, l’udienza è stata rimandata al prossimo settembre.

«Abbiamo appreso da fonti aperte della morte dell'imputato Bochicchio, e non essendo stato depositato formalmente il certificato di morte, considerati i tempi necessari, è opportuno disporre un rinvio a settembre» ha detto il giudice.

Massimo Bochicchio, il cognato: «Non è un suicidio. Se avesse voluto uccidersi non l'avrebbe mai fatto così»

I vip truffati

Il broker, morto carbonizzato ieri dopo aver perso il controllo della moto su cui si trovava, una Bmw, finita fuori strada, era sotto processo a Roma dopo essere stato accusato di aver truffato anche alcuni vip e personaggi dello sport. Il procedimento era scattato in seguito alle denunce presentate da alcuni dei truffati, fra cui figurano alcuni vip e personaggi dello sport, come l'attaccante della Roma Stephan El Shaarawy, l'ex allenatore della Nazionale Marcello Lippi e l'ex mister dell'Inter Antonio Conte, che avrebbe investito, tramite il fratello, circa 24 milioni di euro. Il tribunale oggi in attesa dell'acquisizione del certificato di morte ha rinviato il processo al 15 settembre. 

Ultimo aggiornamento: 16:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA