Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kursaal di Ostia: risse, feriti e irregolarità. Chiude la disco di Fellini

`Il provvedimento della Questura: «Non aveva permessi per la musica»

Sabato 18 Giugno 2022 di Mirko Polisano
Sigilli al Kursaal di Ostia, dopo risse e abusi chiude la disco della Dolce vita

Due risse in poco più di una settimana. E nessuna autorizzazione per poter fare di quello stabilimento una discoteca. Stop alle notti di musica e danze al Kursaal, il lido che negli anni'60 stregò perfino Fellini che qui decise di ambientare una delle scene dei Vitelloni. La Questura di Roma ha notificato ai gestori del locale il provvedimento di «cessazione di attività». Niente più serate danzanti, dunque, nella struttura a due passi dalla Rotonda sulla Cristoforo Colombo. Tutto è partito dalla malamovida con due fatti di sangue che si sono consumati sul litorale romano e che hanno riguardato, oltre al Kursaal anche un'altra vicina discoteca.

Rissa a Ostia, 20enne sfregiato al volto con una bottiglia: la polizia chiude la discoteca Kursaal

I FATTI

Il primo, è avvenuto il 2 giugno corso, in prossimità del locale dove, gli agenti del commissariato Lido di Roma, erano intervenuti a seguito di una segnalazione di giovani che si stavano picchiando. Dopo l'identificazione, gli agenti hanno provveduto a denunciare nove persone, di cui tre con precedenti. Quattro di questi invece erano dovuti ricorrere all'ospedale Grassi. Tutti hanno dichiarato che la lite era scaturita all'interno del locale dove si stava svolgendo attività di discoteca, «pur essendo il locale - scrive la Questura - privo della prevista licenza di attività danzante e di pubblico spettacolo». Circostanza, quella legata ai permessi dei locali notturni, emersa subito dopo la conferenza stampa in cui il X Municipio annunciava la decisione di tenere aperte le discoteche fino alle 3 di notte. Le attente indagini della polizia amministrativa di Ostia avevano da subito evidenziato la mancanza dei permessi per la maggior parte delle strutture di Ostia e come essi siano fermi da tempo negli uffici capitolini. Ma le notti di Ostia sono proseguite a suon di ritmo e decibel selvaggi.

TOLLERANZA ZERO

L'altra notte poi, l'ultima rissa che ha visto un giovane colpito al volto con una bottiglia e una ragazza aggredita con una sedia, riportando - come raccontato da Il Messaggero - gravi ferite, guaribili in 40 e 30 giorni di prognosi. Casi di violenza troppo ravvicinati su cui sia la Questura che il commissariato di polizia di Ostia non hanno esitato a prendere provvedimenti incisivi. «L'estate di Ostia non sarà un far west», è la linea adottata dalle forze dell'ordine. È tolleranza zero contro chi viola e non rispetta le regole, situazioni che per anni sono state consuetudine sul mare di Roma. Ed è per questo che non si escludono nuovi provvedimenti contro i gestori di altri locali: questione di giorni, forse di ore. E già da stasera saranno potenziati i controlli. Il Kursaal, comunque, resterà aperto per le attività giornaliere di stabilimento, ma non per quelle di discoteca «abusiva». Su questa spiaggia Alberto Sordi camminava sotto il trampolino realizzato da Nervi. Erano altri tempi. E forse un'altra Ostia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA