Influenza aviaria a Roma, un caso accertato: focolaio in un allevamento a Ostia Antica. «Ceppo grave», scatta zona di protezione di 3 km

La Regione Lazio ha disposto su ordinanza per l'adozione delle misure straordinarie

Martedì 9 Novembre 2021
Influenza aviaria a Roma, un caso accertato a Ostia. D'Amato: «Adozione misure straordinarie»

Influenza aviaria, un caso accertato a Roma 3, in un allevamento a Ostia Antica. La Regione Lazio ha disposto su ordinanza del presidente Nicola Zingaretti per l'adozione delle misure straordinarie. «A seguito dei regolari controlli relativamente all'insorgenza di una mortalità anomala nell'ambito di un allevamento avicolo non commerciale è stato rilevato un caso di virus di influenza aviaria in campioni di volatili. Il rapporto del centro di referenza nazionale dell'Istituto Zooprofilattico conferma l'insorgenza di un focolaio di influenza aviaria di sottotipo H5 HPAI nell'allevamento avicolo rurale non commerciale sito nel Comune di Roma, Asl Roma 3, località Ostia Antica». Lo dichiara in una nota l'Assessorato alla Sanità della Regione Lazio. 

 

«Sono interessati circa 35 piccoli allevamenti che devono rispettare l'ordinanza. La situazione è sotto controllo ma ci sarà dalle prossime ore una task force che dovrà attuare le strette misure dell'ordinanza a cui non possono esserci deroghe», ha concluso. «Ci sono 20 focolai in tutta Italia, questo è il primo nel Lazio e siamo intervenuti tempestivamente».

 

Influenza aviaria a Roma, ordinanza per misure straordinarie


Il caso di aviaria è stato rilevato a seguito di controlli dopo l'insorgenza di una mortalità anomala in un allevamento avicolo non commerciale. Il rapporto del centro di referenza nazionale dell'Istituto Zooprofilattico ha confermato il focolaio di influenza aviaria di sottotipo H5 HPAI. È stata pertanto disposta una ordinanza dal Presidente della Regione Lazio su proposta dell'Assessore alla Sanità per adottare misure straordinarie: Istituzione di una zona di protezione con raggio di 3 Km dall'allevamento sede di focolaio di influenza e una zona di sorveglianza con un raggio di 10 Km. Tutti gli allevamenti dovranno essere verificati. Sono state distinte le misure da applicare nelle zone di protezione (3 km) e nelle zone di sorveglianza (10km).

 

 

Non sono ammessi senza l'autorizzazione del veterinario l'ingresso e l'uscita dall'azienda di pollame, altri volatili in cattività o altri mammiferi domestici. Chiunque entri o esca da un allevamento deve rispettare opportune misure di biosicurezza, tutte le carcasse dei volatili devono essere distrutte immediatamente, i veicoli e le attrezzature utilizzate per trasportare pollame sono sottoposti a procedure di disinfestazione, così come tutti i veicoli utilizzati. Sono vietati il trasporto di carne di pollame, la movimentazione e il trasporto tra aziende, su strada, e l'introduzione e l'immissione di selvaggina. Sono vietate fiere di pollame e altri volatili. Tutte le misure restano in vigore per almeno 21 giorni dopo l'esecuzione della disinfestazione del focolaio.

 

 

 

 


L'ordinanza è immediatamente esecutiva e viene notificata al sindaco di Roma Capitale e al Sindaco di Fiumicino, nonché alle stazioni di Carabinieri e alle altre Forze di Polizia. I contravventori saranno puniti ai sensi dell'art 163 del regolamento di polizia veterinaria e denunciati alla autorità giudiziarie. E' stato dato mandato alla Asl Roma 3, con il supporto dell'Istituto Zooprofilattico, di verificare l'immediata attuazione delle disposizioni e i relativi controlli.

 

 

Zingaretti: ceppo grave, intervento rapido

 

«Rispetto al caso accertato di aviaria nel Lazio ho immediatamente emesso una ordinanza per prevedere una zona di protezione nel raggio di tre chilometri e di sorveglianza nel raggio di 10 chilometri» rispetto all'allevamento di Ostia Antica dove è avvenuto il focolaio. «È un ceppo grave è un fatto di una certa rilevanza e per questo siamo intervenuti in maniera molto tempestiva e rapida con interventi molto rigorosi. Ovviamente c'è un monitoraggio non quotidiano ma ad horam della situazione». Lo ha detto il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, a margine della presentazione di un nuovo mammografo di ultima generazione in dotazione alla Asl Roma 3, assieme l'Assessore regionale alla Sanità Lazio, Alessio D'Amato. «È la prova che i controlli servono e funzionano - ha aggiunto Zingaretti -. È stato importantissimo intervenire immediatamente, come per il Covid nel Lazio è stato importantissimo intervenire prima».

Video

 

D'Amato: «Interessati 35 piccoli allevamenti»

«Il caso sospetto di aviaria, è stato certificato dall'Istituto zooprofilattico e c'è stata la tipizzazione. Pochi minuti fa è stata firmata l'ordinanza dal presidente Zingaretti che viene immediatamente notificata ai sindaci di Fiumicino e Roma. L'area interessata è quella di Ostia Antica». Lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, in merito al caso di aviaria certificato. «Verranno create 2 fasce una di 3 e una di 10 km all'interno delle quali scattano delle misure di prescrizione e contenimento - ha proseguito D'Amato -. Sono interessati circa 35 piccoli allevamenti che devono rispettare l'ordinanza. La situazione è sotto controllo ma ci sarà, dalle prossime ore, una task force che dovrà attuare le strette misure dell'ordinanza a cui non possono esserci deroghe».

Fiumicino - Nella zona di Fiumicino, che rientra nelle zone di protezione e sorveglianza, la «situazione è sotto controllo». Lo assicura il sindaco Esterino Montino riguardo il focolaio di aviaria. «Durante un normale controllo è emerso un focolaio di influenza aviaria in un allevamento di Ostia. La Asl Rm3 e la Regione hanno attivato immediatamente i protocolli di sicurezza per evitare il diffondersi del virus», comunica Montino. «A questo scopo sono state istituite una zona di protezione, per un raggio di 3km dal focolaio, e una di sorveglianza, per un raggio di 10km - sottolinea il sindaco -. Il nostro territorio rientra in entrambe le zone: una parte molto ridotta di Isola Sacra, a ridosso del Ponte della Scafa, è in zona di protezione, mentre quella di sorveglianza include anche Focene e la zona di Maccarese compresa tra le due piste. La situazione è sotto controllo». «Tutti gli allevamenti che rientrano in queste aree dovranno essere verificati - prosegue - In ogni caso, come spiega l'ordinanza, non sono ammessi senza l'autorizzazione del veterinario l'ingresso e l'uscita da un'azienda di pollame, altri volatili in cattività o altri mammiferi domestici. Chiunque entri od esca da un allevamento deve rispettare opportune misure di biosicurezza, tutte le carcasse dei volatili morti sono distrutte immediatamente, i veicoli e le attrezzature utilizzate per trasportare pollame sono sottoposti senza indugio a procedure di disinfestazione, così come tutti i veicoli utilizzate dal personale o da altre persone - sottolinea il sindaco -. Sono vietati il trasporto di carne di pollame, la movimentazione e il trasporto tra aziende, su strada, e l'introduzione e l'immissione di selvaggina. Sono vietate fiere di pollame e altri volatili». «Tutte le misure previste dall'ordinanza restano in vigore per almeno 21 giorni dopo la disinfestazione del focolaio - conclude -. Chiunque possieda polli, colombi, oche, papere o altri volatili, contatti la Asl veterinaria per avere indicazioni precise su come comportarsi».

Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA