Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Diabolik, l'assassino tradito dall'ex compagna. Ma è giallo sulla sua identità

Martedì 21 Dicembre 2021 di Camilla Mozzetti e Alessia Marani
Diabolik, l'assassino tradito dall'ex compagna. Ma è giallo sulla sua identità

Non c'era documento, compresa la patente, che non riportasse quel nome: Raul Esteban Calderon. Eppure l'identità dell'uomo accusato dell'omicidio di Fabrizio Piscitelli sarebbe falsa. Conosciuto nell'ambiente criminale con l'alias "Francisco", il 52enne di natali argentini arrestato dalla Squadra Mobile di Roma sarebbe arrivato in Italia senza permesso di soggiorno e con documenti falsi.

Diabolik, la camorra e le due pistole: la pista per la fine del Diablo

Il killer tradito dall'ex compagna

Ora gli investigatori hanno avviato le verifiche con le autorità di Buenos Aires dopo che l'ex compagna l'ha indicato come responsabile dell'omicidio del capo ultrà e anche dell'albanese freddato nel settembre 2020 su una spiaggia di Torvaianica. La donna, romana, sua sodale ai tempi cui "Francisco" era soltanto un rapinatore di gioiellerie, è stata condotta in una località protetta ma a verbale avrebbe detto che appunto quell'uomo da cui ha avuto anche una figlia non si chiama Raul Esteban Calderon.

Diabolik: l'andatura, il volto, l'altezza. Così il super computer ha riconosciuto l'assassino

Le intercettazioni 

Quel che è certo è che a permettere agli agenti della Squadra Mobile di chiudere il cerchio sull'argentino, oltre all'ex, sono state anche le intercettazioni in carcere di Enrico Bennato e la perizia svolta dal politecnico di Torino e dal professor Andrea Maria Lingua sul video che già a poche ore dal delitto del capo ultrà era in mano agli investigatori. Un sistema di videosorveglianza di un palazzo di via Lemonia il pomeriggio di quel 7 agosto 2019 riprese tutto: Piscitelli seduto sulla panchina, il runner con il volto coperto da una bandana che arriva, estrae la calibro 9 con silenziatore, e spara un solo colpo per poi fuggire. L'analisi antropometrica condotta dopo il sopralluogo del 29 aprile ha dato esito positivo: l'uomo che ha sparato era Calderon.

 

Ultimo aggiornamento: 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA