Baby bulle a scuola, 14enne accerchiata da 4 compagni di classe e picchiata: «Ammazziamola»

L’aggressione nella media Falcone di Anzio

Giovedì 14 Aprile 2022 di Ivo Iannozzi e Raffaella Troili
Baby bulle a scuola, 14enne accerchiata da 4 compagni di classe e picchiata: «Ammazziamola»

La perseguitavano da tempo. E già l'avevano presa a schiaffi, poi il giorno prima gliel'avevano giurata: «Ti ammazziamo di botte argentina di m...., tornatene dove stavi». Martedì hanno approfittato di un momento di assenza del prof di educazione fisica per prenderla a calci e pugni. Un pestaggio feroce: in quattro contro una fuori alla palestra-tendone della scuola media Falcone di Anzio. Alessandra, (nome di fantasia), 14 anni, non ha avuto scampo: al grido «ammazziamola» è stata circondata da tre compagne di 13 anni e un ragazzo di 14 anni è stata scaraventata a terra e colpita ripetutamente sul corpo e sul volto, fino a tramortirla. In realtà ha raccontato di aver perso subito conoscenza dopo aver sbattuto la testa al marciapiede e di essersi svegliata per il dolore al naso. Rimasta a terra, solo un compagno di classe l'ha soccorsa e avvertito i professori. Che hanno chiuso Alessandra in una classe, la giovane è riuscita a mandare un messaggio: «Mamma aiuto».

Disabile 12enne picchiata e filmata a Roma: nuove aggressioni, tre baby-bulle verso il processo

 

Solo una volta avvertita la madre è corsa a scuola e si è trovata davanti la figlia stordita e coperta di lividi. A tal punto che una volta al pronto soccorso dell'ospedale Riuniti di Anzio i medici le hanno diagnosticato la frattura del setto nasale ed altre ecchimosi con una prognosi di 25 giorni. Oggi sarà operata per la riduzione della frattura. Minacce e offese specie a sfondo razziale ma anche volgarità feroci duravano da un anno. La mamma aveva denunciato tutto al Provveditorato e all'assessore alla scuola di Anzio. «È accaduto poco prima delle 13 racconta la donna e solo intorno alle 14 mi ha telefonato una bidella spiegando che la vicepreside mi voleva parlare. Quando sono arrivata ho trovato mia figlia con il volto tumefatto. Non capisco perché, con la ragazza in quelle condizioni, sia stata avvertita dell'aggressione dopo quasi un'ora». Nessuno aveva chiamato né carabinieri né ambulanza. Un grave episodio di bullismo per giunta tra le mura di una scuola. Epilogo di una serie di vessazioni subite dalla ragazzina, rientrata in Italia dopo anni di permanenza all'estero, fin dall'inizio dell'anno scolastico quando hanno iniziato a prenderla in giro per l'accento, l'italiano stentato. «L'hanno presa in antipatia, coprendola di insulti e offese. Ho provato a parlarne con preside e docenti ma non hanno capito la gravità». Secondo la donna il pestaggio era premeditato. Il giorno prima aveva ricevuto una telefonata dalla figlia: «Mamma qui mi stanno insultando e mi dicono che se esco da sola mi menano». Così la donna era andata a riprendersela alle 10.30. «Le avevano promesso le botte. Già prima l'avevano minacciata sul gruppo whatsapp della classe e per questo avevo contattato la mamma della capobulla per metterla al corrente di quello che stava accadendo, mandandole gli screenshot delle minacce. Purtroppo proprio la ragazzina mi richiamò arrabbiata dal telefono della mamma, dicendomi di tutto».

Vicenza, studente paga tre coetanei per farsi difendere dai bulli: sottratti centomila euro


LE DENUNCE
La sera di martedì Alessandra e la madre hanno sporto denuncia ai carabinieri di Anzio. La giovane ha raccontato i fatti e indicato i nomi dei compagni di classe che l'hanno aggredita. I quattro sono stati segnalati all'autorità giudiziaria, unico imputabile il ragazzo di 14 anni. Il reato ipotizzato è di lesioni personali in concorso. Le 13enni saranno segnalate al Tribunale dei minorenni. I carabinieri ascolteranno il dirigente scolastico, la vicepreside e il docente di ginnastica. Poche ore dopo anche i quattro aggressori hanno sporto querela contro la vittima principale portando con sè referti che parlano di lievi lesioni, chi un polso, chi una escoriazione giudicati guaribili in 6, 7 giorni. Su Tik Tok non è sfuggito a chi conosce le ragazze un video che hanno pubblicato, in cui corrono sguaiate e assai poco ferite per i corridoi dell'ospedale. Ad Alessandra sono arrivati 160 messaggi, volgarità e cattiverie irripetibili.

Avezzano, mamma denuncia: «Mio figlio bullizzato dal compagno perché in sovrappeso»
 

Ultimo aggiornamento: 18:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA