Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bochicchio, la moglie voleva separarsi. Le intercettazioni con un amico: «Massimo è indifendibile»

Ma durante la fuga, la consorte lo raggiunse in gran segreto in Spagna

Giovedì 30 Giugno 2022 di Valeria Di Corrado
Bochicchio, le mille bugie: la moglie voleva separarsi. Lei intercettata con un amico: «Massimo è indifendibile»

Uno dei dilemmi che attanagliavano i ricchi investitori di Massimo Bochicchio, dopo aver intuito di essere stati da lui truffati, era capire se sua moglie fosse davvero all’oscuro del grande raggiro organizzato dal marito o se fosse in fondo sua complice. Il primo settembre del 2020, dopo aver prenotato un resort a Tulum (in Messico), il broker sparisce dall’Italia e stacca tutti i suoi cellulari: «si rende irreperibile telefonicamente nei confronti dei numerosi collaboratori e investitori che lo contattano», si legge nell’informativa del nucleo di polizia economica-finanziaria di Milano, che indagava su di lui per riciclaggio internazionale. Nei giorni seguenti la Procura milanese dispone l’intercettazione delle utenze di Arianna Iacomelli e scopre che il marito la chiama «con frequenza giornaliera». «Non dire niente», si raccomanda Bochicchio il 12 settembre, e lei lo rassicura: «...detto che non torni per il momento, non so quando torni». 

Bochicchio in fuga e l'ira della moglie: «Non pensa a noi, rovinerà tutta la famiglia». Le intercettazioni

«LO SAI SOLO TU CHI È COINVOLTO»

Due giorni dopo, la moglie gli confida di essere preoccupata perché diversi investitori l’hanno contattata non solo telefonicamente, ma anche presentandosi sotto casa. Alla domanda del marito su chi si sia fatto avanti oltre al socio Rodolfo Errani e a Daniele Conte (fratello dell’allora ct dell’Inter), la donna cita «Sebastiano (Zampa, l’altro socio, ndr), Davide (Lippi, figlio dell’ex allenatore della nazionale, ndr), Massimiliano Isidori, Massimiliano Mariani (osteopata, ndr), Pier Francesco Rodriguez Boccanelli (cognato acquisito della famiglia Formilli Fendi, ndr). C..o ne so, chiunque conosciamo. Tanto lo sai solo tu chi c’è coinvolto in questa cosa. Tu mi hai detto che c’era soltanto Conte e Salvagni (Achille, l’architetto, ndr), e qui non stiamo parlà solo di Conte e Salvagni». 

Il 17 settembre Bochicchio dice alla moglie di trovarsi a Madrid per trovare una soluzione al rientro dei capitali e la invita a raggiungerlo. Difatti, l’indomani la Iacomelli parte per la Spagna e rientra a Roma il giorno dopo. Nei giorni seguenti il marito sparisce di nuovo, non la contatta nemmeno telefonicamente. Così, il 7 ottobre, lei chiede un consiglio a un amico comune, Umberto Riccioni Carteni, che lavora nell’ambito dello spettacolo. «Se io fossi nei tuoi panni gli direi: “O Ma, che c...o stai a dì? Riunioni con chi? Cioè.. con quale banca?». Poi la avverte: «Il rischio è se parte, capito, un mandato di catt... questo è il problema grave»; salvo poi rassicurarla che, se il marito si trova a Hong Kong, «lì non c’è l’estradizione». «Io spero che si sia tenuto un po’ di soldi», chiosa l’amico, che le consiglia comunque di «prepararsi al peggio e di vendere quanto possibile per crearsi una provvista». La donna, dal canto suo, gli rivela «di aver già avviato le pratiche per la separazione e che comunque le proprietà del marito sono tutte congelate». Poi la Iacomelli aggiunge: «Ho detto: “Massimo tu sei indifendibile” (...) Il fratello gli chiede spiegazioni... niente. La madre deve lasciare la casa».

 

«QUESTO È UN INFERNO»

Tra i creditori del broker c’è chi non si fida della buona fede di sua moglie. Franco Saviotti (amico di Errani, originario come lui di Faenza, ma residente a Monaco) le telefona e le chiede: «Se sente Massimo, se si degna di chiamare... sono ormai diverse settimane che né chiama né risponde. La situazione è abbastanza difficile per tutti». «Poi qualcosa succederà - aggiunge - Se no lo faccio cercare». «Mio marito è partito più di un mese fa - spiega la Iacomelli - con l’intenzione di risolvere questo inferno (...) Fino ad adesso sul suo lavoro io non sono mai stata messa la corrente». «Sì però lei aveva un conto in Svizzera, lo sa?», le chiede Saviotti. «Le possa assicurare che non ho niente, mio marito ci ha lasciato senza niente (...) venite a controllarmi (...) io ho perso mio marito e il padre dei miei figli in questo momento».

Fatto sta che, secondo le indagini dei finanzieri del valutario, è emerso che «gran parte delle somme investite dai risparmiatori non sono state impiegate nella sottoscrizione di strumenti finanziari, ma dirottate dai conti della Kidman a quelli personali di Sebastiano Zampa e di Bochicchio. Poi da quest’ultimo movimentate a favore della moglie e del fratello Tommaso e impiegate per spese personali». Tra i bonifici sospetti, per 25 milioni di euro, ci sono: «acquisto collier, scuola sci, viaggi vari».
 

Ultimo aggiornamento: 1 Luglio, 21:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA