Volo Qatar con 112 bengalesi, tensione a bordo. Passeggera incinta al Gemelli di Roma

Mercoledì 8 Luglio 2020
Sbarcata donna incinta su volo dal Bangladesh: trasferita al Gemelli per accertamenti

L'unica persona sbarcata dal volo Qatar Airways atterrato a Fiumicino è una donna incinta. In questi minuti, secondo quanto apprende Adnkronos, sono in corso al Policlinico Agostino Gemelli di Roma «i controlli Covid e gli accertamenti sulla donna in fase iniziale di gravidanza proveniente dal Bangladesh e atterrata oggi a Fiumicino con il volo Qatar Airways». La paziente, unica del gruppo proveniente da Dacca ad essere sbarcata, si troverebbe nel primo trimestre di gravidanza.

LEGGI ANCHE Virus, a Roma Fiumicino e Milano Malpensa due voli dal Qatar con 152 bengalesi a bordo: «Già respinti per motivi sanitari»

Gli italiani a bordo. «Preoccupati? Certo, proprio ieri abbiamo saputo che in Qatar c'è stato un caso di Coronavirus. Ora aspettiamo l'esito del tampone che abbiano fatto qui all'aeroporto di Fiumicino». È il commento all'aeroporto di Fiumicino di Claudio e Francesca, due degli italiani sbarcati nello scalo romano, che si trovavano a bordo dell'aereo proveniente da Doha insieme con i 125 bengalesi respinti per «motivi sanità pubblica». Vicino a loro un'altra coppia di italiani emigrati da diversi anni in Australia. «Torniamo da una vacanza in Thailandia e ora ci fermiamo per qualche giorno in Italia, il nostro amato Paese - spiegano - Se abbiamo timore? Certo. Quando abbiamo saputo, una volta atterrati, che a bordo con noi c'erano più di 120 persone di nazionalità bengalese che sarebbero state respinte, non sono mancati alcuni momenti di tensione».

La coppia di romani, un neonato in braccio, vive stabilmente a Doha. «La situazione in Qatar sta migliorando progressivamente e le attività stanno riaprendo progressivamente - raccontano i due all'uscita del Terminal 5, un'area dismessa da tempo chiusa al pubblico e distante dai terminal operativi - Nonostante questo, comunque a Doha è obbligatorio per tutti scaricare un'apposita applicazione che mediante la geolocalizzazione monitora tutti gli spostamenti. In partenza dallo scalo di Doha siamo stati comunque sottoposti al controllo della temperatura e qui a Roma al tampone, compreso il nostro bambino . Ci dicono - concludono i due - che fra poche ore sapremo l'esito dei risultati, speriamo vada tutto bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA