Roma, il giallo della love story tra la preside e uno studente del liceo Montale. «A scuola lo sanno tutti»

Martedì 29 Marzo 2022 di Alessia Marani
Roma, presunta love story tra una professoressa e uno studente del liceo Montale. «Lo sanno tutti»

«Chiudendoci in classe non sopprimi le voci». La scritta è apparsa 4 o 5 giorni fa sul prospetto centrale dell'ingresso del liceo classico, linguistico e delle scienze umane Eugenio Montale del quartiere Bravetta di Roma. E il messaggio apparentemente criptico è in realtà esplicito e chiaro per gli studenti. Rivolto alla preside che nei giorni precedenti aveva inviato una circolare per vietare ai ragazzi di aggirarsi per la scuola al di fuori dello stretto orario della ricreazione.

La presunta love story

Motivo? Le voci e gli scherni sempre più insistenti rispetto a una presunta love story con uno studente maggiorenne, un tam tam inarrestabile girato per classi e corridoi. Anche un'altra scritta, ora cancellata, campeggiava nel retro dell'edificio: «La laurea in pedagogia l'hai presa troppo sul serio». Un polverone sollevato all'interno dell'istituto che ha smosso anche gli uffici scolastici ministeriali che hanno avviato una ispezione interna. Se le voci risultassero vere, la docente rischia fino al licenziamento.

 

Gli studenti

«Lo sanno tutti, lo dicono tutti - spiega una studentessa del quarto anno - quella circolare così servera è stata inviata proprio con lo scopo di fare avere meno contatti agli studenti tra di loro e parlarne. Se sia vero non lo so, non conosco nemmeno quel ragazzo, ma la voce gira». La preside, al primo anno al Montale per sostituire la collega andata in pensione, dal canto suo avrebbe smentito, "solo voci" per screditarla.

 
Video

Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre, 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA