Roma, a viale Libia fuoco in un appartamento: muore intossicato un 68enne

A uccidere l’uomo il monossido di carbonio che ha saturato l’abitazione: evacuata l’intera palazzina

Giovedì 20 Ottobre 2022 di Raffaele Marra
Roma, a viale Libia fuoco in un appartamento: muore intossicato un 68enne

Brucia ancora il quartiere Africano. Questa volta l'incendio è divampato da un appartamento al primo piano di un palazzo sito in via Lago Tana 16 nei pressi di viale Libia, poco distante da piazza Gondar, ma la notizia più brutta che ha generato sgomento e rabbia, è che questa volta purtroppo il bilancio è stato di un morto. La vittima è l'inquilino dell'appartamento da cui sono divampate le fiamme, G. D. M., un romano di 68 anni che all'arrivo dei vigili del fuoco, poco dopo le 14.30, era già deceduto, forse per intossicazione da fumi di monossido di carbonio che ha saturato velocemente gli ambienti.
GLI INQUIRENTI
Al momento sono al vaglio dei sanitari e degli inquirenti (la Procura ha aperto un'inchiesta) l'ipotesi che la vittima stesse dormendo o potesse essere stato colto da malore, causa anche del divampare velocemente delle fiamme. A dare l'allarme sono state alcune persone che avevano visto una colonna di fumo uscire dalle finestre dell'appartamento che si affaccia sulla strada. Sul posto sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco, con l'autoscala, l'autobotte ed il carro autoprotettori, assieme agli agenti di Polizia dei commissariati Salario e Vescovio e il personale medico dell'Ares 118 che è stato portato nell'appartamento con il cestello dei pompieri.

Roma, incendio all'ufficio postale dei Parioli. «Il boato poi le fiamme». Edificio evacuato e danni ingenti

Entrati nell'appartamento non hanno potuto che constatare il decesso del proprietario di casa trovato sdraiato per terra privo di vita. A scopo precauzionale gli inquilini sono stati fatti evacuare e solo dopo la messa in sicurezza dello stabile (non è risultato che il rogo abbia prodotto nessun danno strutturale) e lo spegnimento dell'incendio tutti gli abitanti sono stati fatti rientrare nei loro appartamenti. Al fine di agevolare l'intervento dei soccorritori gli agenti hanno chiuso temporaneamente al traffico un tratto della corsia preferenziale di viale Libia, fra via Lago Tana e piazza Gondar. Deviati anche i bus delle linee 38-80-83-88.

 


ANZIANI SOLI
«Quando c'è una vittima è sempre una notizia tragica - dice Emanuele Iannuzzi membro del Coordinamento di FdI del II Municipio - nel nostro quartiere ci sono molti anziani lasciati soli che spesso vivono in appartamenti con impianti vecchi e non a norma, è un problema che in futuro non bisognerà sottovalutare». A sollevare lo stesso problema è stato anche il consigliere municipale della Lega Francesco De Salazar: «A seguito di diverse interlocuzione fatte con il dottor De Gregorio direttore del Secondo Distretto della ASL Rm1 è emerso che il nostro Municipio ha la più alta concentrazione di anziani mono nuclei over 65 di Roma, il dato è venuto fuori per un tema sanitario che interessava il Pnnr, in pratica nel Municipio verranno predisposte delle Case di Prossimità (ex Case della Salute più evolute, ndr) per dare assistenza a queste persone, in questo modo le istituzioni vogliono affrontare il tema della solitudine degli anziani e della sicurezza degli edifici, un tema che va messo in agenda subito. Vanno ricercate e attuate subito anche altre soluzioni che riguardano l'ammodernamento degli edifici - conclude De Salazar - anche per far sì che si evitino tragedie come queste, teniamo presente che in questa zona è presente un'architettura ante 1970 con dei fabbricati che hanno più di 50 anni».
 

Roma, gli sfasci “intoccabili”: nessuno vuole spostarli. I residenti di Centocelle: «C’è ancora odore di bruciato»

© RIPRODUZIONE RISERVATA