Killer Roma, l'autopsia sulle prostitute uccise: «Da De Pau decine di coltellate alle tre donne». Le foto che lo hanno incastrato

Il killer ha inferto decine di coltellate per ciascuna delle tre prostitute. In vari punti: collo, petto, schiena e persino alla testa

Venerdì 25 Novembre 2022 di Valeria Di Corrado
Killer Roma, l'autopsia delle prostitute uccise: «Da De Pau violenza esagerata sulle vittime»

Dall'autopsia emerge un quadro di "esagerata violenza sulle vittime". Giandavide De Pau ha inferto decine di coltellate per ciascuna delle tre prostitute. In vari punti: collo, petto, schiena e persino alla testa. Il 51enne romano, accusato di triplice omicidio aggravato dai futili motivi e dalla crudeltà, si è accanito con ferocia sui corpi delle due cinesi e della colombiana. Il medico legale del policlinico Gemelli ha ultimato ieri gli esami necroscopici. Le coltellate complessivamente sarebbero addirittura una cinquantina. Da ulteriori accertamenti della Procura emerge che De Pau aveva già un precedente "ingombrante" per violenza sessuale e lesioni risalente al 15 giugno 2006 e avvenuto nel quartiere romano dei Parioli.

Giandavide De Pau e i video delle cinesi uccise: «Non voglio sentire le grida», durante l'interrogatorio si copre le orecchie

In via Fratelli Ruspoli, a due passi da piazza Ungheria, De Pau venne bloccato e arrestato dai carabinieri dopo aver messo le mani addosso a una ragazza brasiliana di 22 anni, ospite di alcuni amici in un appartamento della zona. Per sfuggirgli, la giovane vittima si buttò seminuda dal balcone del primo piano rimanendo ferita in modo grave. Dai riscontri dei militari dell’Arma, l’allora 36enne De Pau si finse idraulico.

 

Ultimo aggiornamento: 23:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA