Caso Omerovic, la famiglia protesta davanti al Campidoglio: «Restiamo qui in attesa di una nuova casa»

Secondo quanto riferito dall'Associazione 21 luglio, la famiglia avrebbe bisogno di un alloggio temporaneo in attesa della nuova casa

Mercoledì 21 Settembre 2022
Caso Omerovic, la famiglia protesta davanti al Campidoglio: «Restiamo qui in attesa di una nuova casa»

La famiglia di Hasib Omerovic, il 36enne disabile precipitato, lo scorso 25 luglio, dalla finestra durante un intervento dei poliziotti a Primavalle, insieme all'Associazione 21 luglio, ha deciso, in segno di protesta, di rimanere davanti al Campidoglio per tutta la notte fino a domani mattina.

Hasib Omerovic, la sorella ha paura: «Non posso andare a scuola»

L'alloggio per la famiglia Omerovic

Il colloquio preliminare per ottenere la nuova era stato previsto per il prossimo 29 settembre. «Per la famiglia risulta impossibile poter permanere ancora così tanti giorni all'interno di una automobile», riferisce l'Associazione 21 luglio.

«Abbiamo avuto comunicazione che è stata accettata la domanda per l'assegnazione della nuova casa» ha dichiarato all'Adnkronos Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 Luglio «successivamente abbiamo saputo che il primo colloquio propedeutico all'ingresso sarà tra otto giorni.

Siccome la famiglia Omerovic non ce la fa più, stanno crollando dal punto di vista psicofisico, dormono in macchina con una disabile, i ragazzi non stanno più andando a scuola, i genitori non lavorano più, vogliono chiedere al Comune una soluzione abitativa temporanea fino che al momento in cui entreranno nella nuova abitazione promessa oggi dall'Assessorato al Patrimonio, che sicuramente non avverrà prima di ottobre».

Disabile giù dalla finestra a Roma, la testimone: «Ho visto cinque agenti, c’era anche una dottoressa»

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 17:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento