Accoltellato per uno sguardo di troppo, fermati a Boccea tre ventenni egiziani

I responsabili risultano tutti senza fissa dimora

Mercoledì 27 Settembre 2023 di Flaminia Savelli
Accoltellato per uno sguardo di troppo, fermati a Boccea tre ventenni egiziani

Una lite degenerata in una spedizione punitiva e finita con un uomo accoltellato. Il dramma si era consumato il pomeriggio dello scorso due settembre nel parco della Pineta Sacchetti. Il cerchio delle indagini si è chiuso e gli uomini della polizia hanno rintracciato e fermato tre persone con l'accusa di aggressione e, per una di loro, è scattata anche la denuncia per detenzione di sostanza stupefacente. Si tratta di tre stranieri di origini egiziana rintracciati in via di Boccea. Come accertato dalle indagini, tutti e tre sono coinvolti nella violenta aggressione organizzata dopo una lite scoppiata in un parcheggio di Roma nord.

Pusher in guerra per il mercato di Terni, dopo la rissa accoltellato marocchino con 3000 euro nelle mutande

LA DINAMICA

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della polizia, la prima miccia si sarebbe accesa per un diverbio tra due uomini in un parcheggio lungo via della Pineta Sacchetti. Come riferito dalla vittima, la prima aggressione - solo verbale - sarebbe infatti scattata per uno sguardo di troppo. Dopo la lite però, la questione sembrava risolta.
Invece alcuni giorni dopo, il due settembre, le volanti della polizia sono state fermate da un gruppo di persone che chiedevano soccorso per un uomo ferito con arma da taglio. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che dopo aver medicato sul posto il ferito lo hanno trasferito al pronto soccorso. Mentre i poliziotti avviavano le indagini per ricostruire l'intera vicenda e risalire all'identità degli aggressori.

LA LITE

Sono subito emersi i primi dettagli della discussione scoppiata al parcheggio tra urla e minacce. Quindi l'epilogo: pochi giorni dopo, mentre la vittima si trovava nel parco della Pineta Sacchetti insieme ad amici e familiari, ha visto arrivare l'uomo con cui aveva discusso, accompagnato da una terza persona.

IL BLITZ

L'uomo si è avvicinato e, dopo uno scambio di poche parole, ha estratto un coltello ed è riuscito a ferire l'altro prima di essere messo in fuga dal resto della compagnia intervenuta a difesa dell'amico. Sono stati attimi ad altissima tensione tra i due gruppi. Non solo: l'aggressore è tornato con altri due connazionali che hanno ferito ulteriormente la vittima ed anche alcuni suoi amici. Durante l'aggressione inoltre, i tre uomini sono riusciti a rubare alle vittime un cellulare, dei soldi e le chiavi di una delle loro auto.

LA BANDA

Gli accertamenti hanno permesso di identificare i tre banditi: due 20enni ed un 25enne, tutti nati in Egitto ed in Italia senza una fissa dimora.
I giovani sono stati rintracciati lungo via di Boccea. Una volta fermato, la polizia ha constatato che l'uomo di origini egiziane aveva con sé poco più di 40 grammi di "fumo". È stato così arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini sui tre fermati sono ancora in corso: il sospetto è che siano coinvolti in altri episodi criminali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA