Lapidata da Isis, si rialza all'improvviso e riesce a fuggire

Venerdì 30 Gennaio 2015
Fugge dopo essere stata lapidata e si salva. È questa l'agghiacciante vicenda che ha per protagonista una donna della città di Raqqah, la roccaforte dell'organizzazione dello Stato islamico (Is) in Siria.



A riferire la notizia è l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede a Londra, che cita «fonti ben informate» secondo cui la donna, accusata di «adulterio», è stata lapidata in una via di Raqqah, nel nord della Siria. I suoi aguzzini pensavano fosse morta, invece lei si è alzata all'improvviso dandosi alla fuga. Uno dei miliziani ha cercato di ucciderla a colpi di pistola, ma uno dei «giuristi dell'organizzazione» glielo ha impedito.



«La sentenza è stata eseguita, che si penta di fronte a Dio», avrebbe detto il giurista, esortando gli altri miliziani a lasciarla andare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA