Israele annuncia un piano per 15mila nuove case a Gerusalemme Est

Venerdì 28 Aprile 2017
Israele annuncia un piano per 15mila nuove case a Gerusalemme Est
1
Israele intende costruire 15.000 nuove case a Gerusalemme est. Lo ha detto alla radio israeliana il ministro dell'edilizia Yoav Galant (del partito centrista 'Kulanù) spiegando che il suo dicastero e il Comune di Gerusalemme stanno lavorando al piano da due anni con l'obiettivo di mettere in cantiere 25mila nuove abitazioni e di queste 15mila nella parte est della città.

«Costruiremo - ha detto alla radio il ministro, riferito dai media - 10mila unità a Gerusalemme e circa 15mila nei confini municipali della città». L'annuncio - è stato ipotizzato - potrebbe essere diffuso nel Giorno di Gerusalemme, il 24 maggio, due giorni dopo il possibile arrivo di Donald Trump in Israele. Il presidente Usa - che si appresta ad incontrare il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) a Washington nel loro primo appuntamento - ha più volte chiesto ad Israele di «contenersi» sugli insediamenti, sottolineando che «questi non aiutano la pace».

Obiettivo del presidente Usa è quello di far ripartire i negoziati come ha ribadito oggi in un'intervista alla Reuters: «Non c'è alcuna ragione - ha spiegato - perchè non ci sia anche oggi». L'intenzione annunciata dal ministro Galant - che però non è stata commentata dai livelli politici più alti di Israele - è stata subito condannata dal segretario generale dell'Olp Saeb Erekat: «un deliberato sabotaggio - ha detto citato dai media - degli sforzi di riavviare i negoziati». «Tutti gli insediamenti nella Palestina occupata sono illegali per la legge internazionale. La Palestina continuerà a ricorrere alle organizzazioni internazionali per far ritenere Israele, la potenza occupante, colpevole per le sue gravi violazioni della legge internazionale».
Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA