Valle d'Aosta rischia la zona rossa e chiede una deroga al governo: ​«Sarebbe una tragedia»

Il presidente della Regione Erik Lavevaz: «Vorrebbe dire chiudere gli impianti di risalita in un momento in cui c'è un po' di ripresa rispetto all'anno scorso»

Martedì 18 Gennaio 2022
Valle d'Aosta verso la zona rossa: chiesta una deroga al governo. Il presidente di Regione: «Sarebbe una tragedia»

La Valle d'Aosta viaggia verso la zona rossa, ma spera in una deroga provvisoria del governo per evitare le misure di contenimento rafforzate. La maggioranza regionale si è riunita per discutere il tema e studiare una strategia per evitare il nuovo cambio di colore, che dovrebbe scattare una volta toccata quota dieci pazienti Covid in terapia intensiva (nell'ultimo bollettino erano otto). La speranza è che il premier Draghi conceda l'eccezione.

 

Valle d'Aosta verso la zona rossa

Il cambio di colore, in caso di raggiungimento del numero limite, potrebbe essere decretato già a partire da lunedì 24 gennaio. Con il sistema dei colori che potrebbe essere presto rivisto, si rischierebbe il paradosso di decidere per l'attuazione delle restrizioni, che verrebbero poi tolte appena una settimana dopo. 

La zona rossa secondo il presidente della Regione, Erik Lavevaz, sarebbe una «tragedia» perché «vorrebbe dire chiudere gli impianti di risalita in un momento in cui c'è un pò di ripresa rispetto all'anno scorso». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA