​Covid 19-Die Welt, Salvini: «Fanno schifo». Meloni: «Vergogna»

Giovedì 9 Aprile 2020
​Covid 19-Welt, Salvini: «Fanno schifo». Meloni: «Vergogna»

Dalla politica italiana si è alzata un'ondata di protesta nei confronti delle parole del tedesco "Die Weltsul nostro paese. «Oggi con pessimo gusto un giornale tedesco, 'die Welt' scrive che gli Italiani devono essere controllati dalla Commissione Europea e aggiunge che la mafia aspetta soltanto una nuova pioggia di soldi all'Italia da Bruxelles». Lo dice Matteo Salvini, intervenendo in Aula al Senato, per le dichiarazioni di voto in vista della fiducia. «Sono dichiarazioni che fanno schifo - aggiunge il leader della Lega - dovrebbero sciacquarsi la bocca prima di parlare d'Italia e degli italiani e di tirare in ballo la mafia», aggiungendo che «ci aspettiamo le scuse». Certo «se non diamo subito dei soldi alle imprese e ai lavoratori, soprattutto nelle aree del paese più depresse, saranno la mafia La camorra e la ndrangheta a prestare i soldi che non ci mette lo Stato». 

LEGGI ANCHE --> Civitavecchia, chiuso un negozio di ortofrutta per violazione della quarantena

«Vergogna, vergogna, vergogna. Non ho altre parole per commentare l'ignobile articolo del giornale tedesco »Die Welt« contro l'Italia. Mentre la nostra Nazione è in ginocchio e piange i suoi morti, c'è chi in Europa si alza in cielo come farebbero gli avvoltoi per trovare i cadaveri di cui nutrirsi. Conte pretenda rispetto per il popolo italiano e chieda alla Merkel di prendere le distanze». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni

«Inaccettabile quanto scrive il Die Welt: ci sono migliaia di morti e non abbiamo alcuna responsabilità. Purtroppo un tedesco si è infettato ma non diamo certo alcuna colpa alla Germania. Che c'entra mettere in mezzo la mafia?». Lo afferma il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani a Tgcom24.

«Prima di dichiarare guerra alla Germania, trovandoci tra l'altro a corto di munizioni, suggerisco di distinguere tra giornali e governo tedesco». Lo scrive ironicamente su Twitter Andrea Romano, deputato del PD e membro della Commissione Esteri della Camera, a proposito delle reazioni di esponenti dei Cinque Stelle e della Lega ad un articolo di Die Welt in cui si accusava l'Italia di pretendere soldi che andranno direttamente alla mafia. Romano prosegue: «Distinguiamo tra giornali e politica, satira e diplomazia, stampa e governo. E concentriamoci su quello che oggi conta davvero: la dura trattativa in corso in Europa per individuare strumenti finanziari adeguati per rispondere all'emergenza economica». 
 

«L'Italia aspetta che Frau Merkel e i tedeschi prendano  le distanze da Die Welt che ci accusa di essere mafiosi. Come dire che tutti i tedeschi sono nazisti. Sappiamo sia noi che loro che non è così e le decisioni che prenderà l'Ue ci faranno capire se ci sono più nazisti in Germania o mafiosi in Italia». È quanto ha scritto il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia su Twitter, anche in lingua tedesca.

«Per il quotidiano tedesco Die Welt, in Italia la mafia 'sta aspettando i finanziamenti a pioggia Uè. Una presa di posizione delirante, un insulto inaccettabile per il nostro Paese. La Merkel condanni questo episodio, e il governo italiano si faccia sentire nelle sedi opportune». Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. 

«Il Die Welt, un importante giornale tedesco, questa mattina ha invitato l'Europa a non aiutare l'Italia perché, ha scritto testualmente il quotidiano, 'la mafia sta aspettando i soldi da Bruxelles'. Non voglio aprire polemiche perché, francamente, qui in Italia non ne abbiamo nemmeno il tempo, ma lasciatemi dire che trovo vergognosi e inaccettabili i toni usati dal giornale tedesco. Mi auguro che Berlino li condanni e si dissoci». Dopo l'intervento a Unomattina il ministro degli Esteri Luigi Di Maio interviene nuovamente, con un post su Facebook, sulla polemica innescata dall'articolo del quotidiano tedesco. «L'Italia piange oggi le sue vittime colpite dal Coronavirus, ma ha pianto e piange ancora le sue vittime di mafia. Da ministro degli Esteri non posso accettare che si facciano considerazioni del genere», scrive il ministro. «Questo non è un gioco, non è una partita tra due o più Paesi. Le persone stanno morendo e l'Europa ha il dovere di rispondere. Serve un messaggio di unità e a chiederlo non è l'Italia, ma tutto il popolo europeo», conclude Di Maio.

«Frau Merkel resti fermà è il titolo di un articolo di Die Welt che denigra l'Italia. Frau Merkel deve invece condannare questo articolo e dimostrare che la Germania e l'Unione europea non si fanno guidare da stereotipi inaccettabili come quello degli italiani mafiosi. È scandaloso che la stampa tedesca si scagli in questo modo barbaro contro l'Italia, un Paese che sta lottando duramente per sconfiggere la pandemia e non essere schiacciato dalla crisi economica. Ci aspettiamo una ferma presa di distanza e scuse pubbliche ma, soprattutto, ci aspettiamo forme concrete di sostegno e solidarietà dal governo tedesco. Basta egoismi, basta calcoli propagandistici legati agli equilibri politici interni: se l'Europa unita esiste, questo è il momento di dimostrarlo. La stragrande maggioranza degli italiani è gente per bene, che sta affrontando sacrifici enormi e che si rimbocca le maniche. Quello che chiediamo sono i mezzi necessari per far ripartire l'economia, ferma a causa del Coronavirus». Lo afferma Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia.

 

Ultimo aggiornamento: 15:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci