Vaccini, ira di De Luca: «In Campania fornitura dimezzata, è gravissimo e inaccettabile»

Giovedì 21 Gennaio 2021
Vaccini, ira di De Luca: «In Campania campagna dimezzata, è gravissimo e inaccetabile»

Vaccino Covid, in Campania è allarme. «Abbiamo ricevuto nella serata di ieri la comunicazione che la fornitura di vaccini prevista per la Campania il giorno 25 gennaio è stata dimezzata, non si capisce in base a quale criterio. Già i ritardi dei giorni scorsi hanno prodotto una forte diminuzione nelle vaccinazioni. Questa ulteriore riduzione di consegne rischia di bloccare del tutto le somministrazioni, determinando una situazione gravissima e inaccettabile». Lo dichiara il presidente della Regione Vincenzo De Luca.

India, incendio nella maggiore fabbrica di vaccini al mondo

Covid, Ricciardi: «Preoccupatissimo per la variante inglese, le scuole luogo di trasmissione del virus»

«Siamo consapevoli - aggiunge De Luca - delle grandi difficoltà create dai forti ritardi della casa produttrice. Ma a maggior ragione è tempo di scelte chiare e oggettive. È indispensabile garantire il completamento dei richiami per i primi vaccinati. Questo può avvenire solo sulla base di un unico criterio oggettivo: un vaccino per ogni cittadino, operando già in questa fase un riequilibrio rispetto alla prima distribuzione di vaccini avvenuta sulla base di criteri fortemente sperequati. Invito il commissario Arcuri a procedere sulla base di una linea di equità e oggettività assoluta, a tutela dei nostri concittadini e nel rispetto di uno sforzo organizzativo enorme compiuto dalla Regione Campania, e che non può essere vanificato. Siamo pronti, in caso contrario, a tutelarci in ogni sede», conclude De Luca.

 

Covid in Svezia, restrizioni fino al 7 febbraio. Il premier: «La situazione resta grave»

Influenza, crollo per l'emergenza Covid. L'Iss: «La scorsa settimana 89.000 casi, 7 volte in meno del 2020»

Covid, i morti negli Usa superano quelli della Seconda Guerra Mondiale. Cina, nuovo record di contagi. Francia: niente sci

Ultimo aggiornamento: 16:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA