Tav, scoppia il caso Ponti: contrario nell'analisi per il Mit e favorevole in quella della Ue

Venerdì 8 Marzo 2019
Tav, scoppia il caso Ponti: contrario nell'analisi per il Mit e favorevole in quella della Ue
2

Marco Ponti boccia la Tav nell'analisi costi-benefici del Mit ma la promuove in uno studio Ue. È il caso sollevato dal TgLa7, mentre il governo vacilla sul via libera all'opera. Secondo lo studio della Commissione europea di 116 pagine, rivelato dal Tg diretto da Enrico Mentana, l'opera va fatta calcolando i vantaggi del corridoio Mediterraneo di cui fa appunto parte la Torino-Lione.

Tav, lo spettro crisi manda i peones M5S nel panico: «Va trovata una soluzione»

Il documento di Bruxelles ha ottenuto anche il via libera della società di Marco Ponti, che ha messo a punto l'analisi costi-benefici per il governo dando parere negativo sull'opera. Con il corridoio Mediterraneo, che va da Gibilterra a Budapest, lo studio stima che al 2030 si potrà ottenere un risparmio di tempo del 30% per i passeggeri e del 44% per le merci. Inoltre, nei prossimi dieci anni per ogni miliardo investito nel cantiere verrebbero creati 15mila posti di lavoro, senza considerare l'indotto sul territorio.
 

Ultimo aggiornamento: 13:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci