Super Green pass, le nuove regole da lunedì: multe e controlli, cosa cambia

Dal 6 dicembre al 15 gennaio versione rafforzata del certificato che esclude i No vax da una serie di attività

Giovedì 25 Novembre 2021 di Francesco Malfetano
Super Green pass: nuove regole per feste ristoranti, stadi, trasporti e piste da sci: cosa cambia

 Il Green pass italiano, dal 6 dicembre almeno fino al 15 gennaio 2022, sarà affiancato da una nuova versione "rafforzata". Vale a dire una certificazione che di fatto esclude i non vaccinati da tutta una serie di attività, dato che non si può ottenere con il tampone, antigenico o molecolare che sia. Nel dettaglio, già a partire dalla zona bianca, i No vax non potranno ad esempio accedere a ristoranti al chiuso e cinema. Mentre, previo tampone, anche i non vaccinati potranno invece continuare ad avere accesso a piscine e palestre. I settori interessati dalle nuove misure varate dal governo nel decreto presentato da Mario Draghi, anche considerando che l'uso del "pass standard" viene ulteriormente estesa, sono però tanti. Vediamo quindi come funzionerà settore per settore. 

Super Green pass per salvare il Natale, Qr per bus e metro. Draghi: «Più controlli»

Cosa cambia per i ristoranti

Per accedere ai ristoranti al chiuso - e a tutte le attività di ristorazione che consentono di sedere all'interno del locale - sarà necessario esibire il "Super Green pass". Al pari di quanto accade ora, non dovrebbe invece essere necessario per il servizio al bancone.  

Spettacoli e stadi

Tanto per cinema e teatri, quanto per concerti o qualunque altra attività al settore spettacoli, diventa obbligatorio essere in possesso di un Green pass ottenuto attraverso la vaccinazione o la guarigione da Sars-Cov-2. Discorso identico anche per gli spettatori che intendono accedere a stadi e palazzetti dello sport. 

Feste, discoteche, cerimonie

Che si tratti di feste private, di serate in discoteca o di cerimonie pubbliche, la questione non cambia: per l'accesso è necessaria la versione rafforzata del Green pass. 

Trasporti

Il Green pass diventa obbligatorio anche a bordo di treni regionali, tram, metro e bus. Tuttavia, un po' come già accade per i taxi o bus e treni a lunga percorrenza (oltre che per aerei, navi e traghetti), la versione del Qr code richiesta è quella "base". Per cui ci si potrà spostare anche solo con il tampone. 

Piscine e palestre

A dispetto delle attese, il Green pass con il tampone è ancora l'unico richiesto per accedere a piscine, palestre e similari. Cambiano però le regole di accesso agli spogliatoi. Se fino ad oggi il pass non è richiesto per accedere agli spogliatoi di attività svolte all'aperto (calcetto, basket e tennis ad esempio), dal 6 dicembre diventa obbligatorio il pass "base" anche per fare la doccia dopo lo sport.

 

Alberghi

A differenza di quanto stabilito fino a questo momento, a partire dalla seconda settimana di dicembre bisognerà avere con sé il Green pass anche per soggiornare all'interno di tutte le strutture ricettive della Penisola. 

Piste da sci

Nel testo che finirà in Gazzetta ufficiale non ci sono misure relative agli impianti di risalita e le piste da sci. Per cui basterà il tampone per accedervi. Tuttavia, in caso di passaggio in arancione della regione, anziché prevedere la chiusura totale degli impianti (come stabilisce il cosiddetto sistema a colori), questi saranno inaccessibili ai soli No vax.

 

 

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 10:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA