Elezioni europee, Salvini teme il collasso M5S. «Adesso do io le carte»

«Adesso diamo noi le carte» Ma Matteo teme il collasso M5S

di Alberto Gentili

Nella notte Matteo Salvini festeggia. Il leader è «ultracontento» di avere «stracciato» i 5Stelle, ma soprattutto di aver portato la Lega a essere «il primo partito della Nazione». «Un'impresa titanica per chi, per come noi, quattro anni fa era al 6%». E questo «dopo una campagna elettorale in cui non ci hanno risparmiato nulla». In più quota 30% «è sfondata alla grande» e dunque il Capitano può parlare di «massima soddisfazione».

Elezioni Europee, risultati: trionfo Lega, crollo M5S. Pd secondo partito, Fdi si avvicina a Fi

Con un solo cruccio, quello di capire cosa ne sarà dell'odiato alleato di governo: «Il sorpasso del Pd sui grillini potrebbe rendere la situazione drammatica. Il Movimento sotto al 20% potrebbe implodere e allora addio governo...», dice preoccupato un ministro leghista.

Il tracollo pentastellato da una parte fa ghignare la Lega, dall'altra l'allarma. D'improvviso lo schema preparato alla vigilia, con Salvini che forte della vittoria mostra i muscoli, detta l'agenda di governo senza se e senza ma, forse andrà parzialmente rimodulato. «Va a finire che dovremo fare le crocerossine di Di Maio...», sospira un alto esponente del Carroccio. Ma non la pensa così Salvini: «Vado avanti, d'ora in poi decido io cosa si fa e cosa non si fa. Il problema è tutto dei 5Stelle. Se tengono i nervi saldi, se dicono sì e la smettono di insultare bene, altrimenti al diavolo...».

Da domani, insomma, Salvini darà le carte. «Chi vince guida», aveva avvertito Giancarlo Giorgetti. Così sarà. Tant'è, che il leader è pronto a dettare l'agenda, pur sostenendo che «i grillini non saranno mai avversari». Lo farà sulla Tav, l'autonomia differenziata, la flat tax, il decreto sicurezza, i porti chiusi. E lo farà anche chiedendo una riforma della giustizia «garantista e non giustizialista come vorrebbero i grillini», dicono nell'entourage del capo. E aggiungono: «Ci sarà anche la riforma del reato di abuso d'ufficio: non è possibile che gli amministratori pubblici abbiano paura a firmare gli atti, così si ferma il Paese».
 

I suoi, nella notte, dicono che Salvini «non ammetterà più i distinguo di Di Maio e soci: il tempo degli insulti, delle mediazioni e dei no è definitivamente concluso». E afferma un altro ministro, rivelando quanto profondo sia il solco che si è creato con i 5Stelle dopo una campagna elettorale «fatta soltanto di insulti»: «La gente ci ha votato perché cominciassimo a prendere a sberle Giggino. Nei comizi mille volte ci hanno chiesto di rispedirlo a fare il bibitaro allo stadio. Dopo la cacciata di Siri, il modo vergognoso come è stato trattato, si è rotto il rapporto di alleanza e di fiducia».

NESSUNA INDULGENZA
Per questo c'è chi scommette che Salvini manterrà l'asticella alta, anche se lui esclude «regolamenti dei conti». E che non sarà molto indulgente di fronte alle difficoltà di Di Maio. Primo, perché «il rapporto con lui si è definitamente logorato». Secondo, perché «tra i grillini non comanda Giggino, ma Casaleggio e quello crede di poter giocare anche un'altra partita». «Quindi non è detto che il Movimento si piegherà» ai diktat leghisti. «In questo caso, però si va sparati alle elezioni in settembre! Anche da soli».

Ma c'è di più. C'è che a dispetto dell'impegno solenne, rosario in pugno, di Salvini («non chiederò neppure mezza poltrona, quella è vecchia politica») nella Lega cresce la voglia di rimpasto. «Per rilanciare il governo serve un tagliando vero», dice un altissimo esponente lumbard, «perché non si può continuare a lavorare con gente incapace come Toninelli, Grillo, Trenta». Pausa, sospiro: «Certo, andrebbe ancora meglio se si cambiasse anche Conte. Salvini l'ha detto chiaro che non è più super partes. Chissà, dopo la batosta subita i grillini potrebbero darci anche il premier, pur di evitare le elezioni anticipate...». Di sicuro il Carroccio metterà le mani sul commissario europeo e sul ministero alle politiche europee. Oltre a decidere le nomine in Eni, Enel e Leonardo quando arriverà l'ora, «sempre che prima non l'implodano i 5Stelle e non si debba andare a votare».

L'IPOTESI ELEZIONI
Ecco, l'altra opzione. Con la Lega ben sopra il 30%, in molti scommettevano che Salvini avrebbe monetizzato, andando al voto in settembre. Ma vista la debolezza dei 5Stelle, il loro rovinoso precipitare sotto al 20% offre al leader leghista margini ampissimi: «Non ci sarà alcun regolamento dei conti anche perché quelli correranno a inginocchiarsi», dicono in via Bellerio.

C'è un altro dato che non passa inosservato a Salvini: la tenuta di Forza Italia. Silvio Berlusconi è duro da far evaporare ed è di conseguenza ancora difficile ipotizzare un unico partito di centrodestra a guida leghista. Una ragione in più per evitare la crisi di governo e scongiurare il rischio che nasca in Parlamento un esecutivo di responsabili. Dove ci sarebbe mezzo Movimento, la Lega, Fratelli d'Italia, ma anche il Cavaliere. Prospettiva del tutto sgradita a Salvini che, a parte il problema della compagnia, non vuole andare a palazzo Chigi senza la benedizione elettorale: «Avete visto cosa è successo a Renzi... Porta male».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 27 Maggio 2019, 07:43






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Elezioni europee, Salvini teme il collasso M5S. «Adesso do io le carte»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-05-27 11:45:33
Nessuno dei due ha interesse a far cadere il governo e adesso per i 5S sono cavoli amari. Va più che bene, scontano la loro impreparazione politica. Salvini, dal canto suo, ha tutto l'interesse a far rimanere in piedi questa situazione perchè, diversamente, non potrebbe esercitare tutta la forza di cui dispone adesso. Se, finita la campagna elettorale, ora si mettono a lavorare forse potrebbero anche combinare quacosa di menopeggio.
2019-05-27 11:27:23
Meglio andare a votare a questo punto e capitalizzare quanto ottenuto alle europee, giusto per evitare che i voti cinque stelle vadano a travasarsi sul PD (che non so la gente come faccia a votarli sinceramente mah).