Ddl Zan, cos'è e cosa prevede: testo completo, libertà di opinione e aggravanti

Domenica 9 Maggio 2021 di Diodato Pirone
Ddl Zan, cos'è e cosa prevede: testo completo, libertà di opinione e aggravanti

Raramente un disegno di legge è stato tanto al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica senza che se ne conoscano i contenuti nel dettaglio. Stiamo parlando del disegno di legge Zan, deputato del Pd e omosessuale dichiarato, contro discriminazioni e violenze per orientamento sessuale, genere, identità di genere e disabilità.

Ddl Zan, manifestazione a Milano: da Francesca Pascale a Paola Turci, 8mila persone in piazza

Il punto

Cosa c'è esattamente nel ddl? Va innanzitutto detto che il disegno di legge è stato approvato a maggioranza dalla Camera nel novembre del 2020 e ora si trova alla Commissione Giustizia del Senato, dove il senatore Andrea Ostellari, presidente leghista della Commissione, è anche relatore della legge nonostante sia fortemente contrario. Il Ddl Zan finora è stato osteggiato con toni diversi dai partiti del centro-destra, dalla Cei, la conferenza vescolive italiana, dai movimenti per la famiglia ma anche da piccole ma significative componenti del Mpovimento LGTB (sigla della comunità Lesbica, Gay, Bisessuale e Transgender) come l'associazione Arcilesbica.

Ddl Zamìn, il testo completo ---> Scarica il Pdf

Zan: «Triste che si usi Ddl come bandiera ideologica per ottenere qualche consenso in più»

I concetti


Il ddl è composto da una decina di articoli e la sua titolazione ne definisce gli obiettivi: “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”.

Entriamo nel dettaglio. Il primo articolo è dedicato alle definizione di alcune parole come "sesso" o "identità di genere" già usati dalla nostra legislazione per le leggi sulle Unioni Civili o fra persone dello stesso sesso.

Per “sesso” si intende il sesso biologico o anagrafico come utilizzato anche dalla Costituzione e da varie leggi come quella ad esempio per stabilisce le regole per cambiare sesso o quella sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso.

Per “genere” «si intende qualunque manifestazione esteriore di una persona che sia conforme o contrastante con le aspettative sociali connesse al sesso»:  il ruolo di genere è dunque il sistema sociale costruito intorno al sesso maschile e a quello femminile.

 

Zan: «Non può esistere discriminazione in un Paese civile»

Per “orientamento sessuale” si intende l’attrazione sessuale o affettiva di una persona, e che può esistere nei confronti di persone del sesso opposto, dello stesso sesso o di entrambi i sess

“Identità di genere” indica dunque la percezione che ciascuno ha di sé in quanto maschio, femmina o altro, indipendentemente dal fatto che abbia affrontato la riassegnazione chirurgica del sesso se la sua identità di genere è opposta a quella del sesso di nascita. “Identità di genere” indica dunque la percezione personale di essere maschio, femmina o altro, indipendentemente dall'operazione chirurgica di passaggio da un sesso all'altro.

La presenza dell’espressione “identità di genere” è uno dei punti critici della legge. Molti non l'accettano e la considerano di difficile gestione anche giuridica. I favorevoli alla legge sostengono però che anche la Corte Costituzionale l'ha usata (sentenza 221 del 2015 sul cambio di sesso) e un dossier dossier che il Senato ha di recente pubblicato sul ddl Zan spiega poi che l’espressione “identità di genere” è stata utilizzata da una direttiva del 2011 del Parlamento europeo che considera la persecuzione per "identità di genere" una delle ragioni per l'accoglimento di rifugiati.

Ddl Zan, Paola Turci in piazza con i Sentinelli: «Sui diritti di tutti io mi accanisco»

Gli articoli

Il ddl Zan modifica due articoli del codice penale e amplia la cosiddetta legge Mancino del 1993 che punisce l'incitamento all'odio aggiungendo alle discriminazioni per razza, etnia e religione (già contemplate) quelle per sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere e disabilità. Prevede poi una serie di azioni per prevenirle. La legge Mancino, è il principale strumento legislativo che ha l’ordinamento italiano per punire i crimini d’odio e dell’incitamento all’odio. Gli articoli 2 e 3 del ddl Zan cambiano gli articoli 604-bis e 604-ter del codice penale. 

Il nodo della “libertà di opinione”
 

Attualmente, l’articolo 604-bis del codice penale punisce «chi propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico» e chi «istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi». Punisce anche chi, per gli stessi motivi, «istiga a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza»  e chi partecipa a organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi che incitano alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. Ma non modifica la parte dell'articolo relativa al reato di propaganda, che rimane quindi limitato alle «idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico».

In parole povere le modifiche proposye dal ddl Zan non impediscono a chi difende la famiglia tradizionale di continuare a propagandare questa opinione.

Le aggravanti


L’articolo 3 del ddl Zan modifica l’articolo 604-ter del codice penale (previsto dalla legge Mancino) dedicato alle circostanze aggravanti che vengono estese alle discriminazioni fondate su sesso, genere, orientamento sessuale, identità di genere o disabilità.

Gli oppositori al ddl  sostengono però che questo tipo di crimini sarebbero già compresi nell’articolo 61 del codice penale che si occupa delle circostanze aggravanti comuni applicabili a qualsiasi reato. E dice che rientrerebbero, precisamente, nell’aggravante che consiste nell’avere agito “per motivi abietti o futili”.

I motivi che stanno alla base dell’omotransfobia, sostengono i fautori della legge, nascono da un odio puntuale perché non colpiscono una persona per ciò che fa, ma per ciò che è, esattamente come il razzismo e dunque chiedono di rafforzare le sanzioni specificandole.
Gli articoli finali del ddl Zan riguardano l’istituzione della giornata nazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia.

Video

Le fake news

Sul ddl circolano infine molte informazioni parziali. Su una vale la pena fare un supplemento di informazione: il ddl Zan non dà la possibilità a un uomo di definirsi una donna senza una “certificazione” ufficiale: nominando “l’identità di genere” il ddl non regolamenta infatti la transizione di genere.

Francesca Pascale: «Sui diritti Fi vira a destra, io non la voto. Creerò azienda di cannabis light»

Ultimo aggiornamento: 20:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA