Covid, Speranza: «Resistere con il coltello fra i denti per 7-8 mesi»

Giovedì 1 Ottobre 2020
Covid, Speranza: «Resistere con il coltello fra i denti per 7-8 mesi»

«Dobbiamo resistete con il coltello tra i denti in questi 7-8 mesi. Ma mentre resistiamo dobbiamo guardare al futuro». Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento questa mattina allo stabilimento Sanofi di Anagni (Frosinone), dove verrà avviata la produzione del vaccino anti-Covid. Il ministro ha aggiunto: «Gli italiani contro ogni stereotipo con cui spesso abbiamo avuto a che fare sono stati il più ordinato, ligio e straordinario Paese che si sia mai visto».

LEGGI ANCHE Stadi, Speranza: «No al 25% della capienza, la priorità alla scuola»
 

«Vaccino, obiettivo alta sicurezza e tempi rapidi»

Sul vaccino, Speranza ha dichiarato: «Non dobbiamo meravigliarci se c'è un dibattito tra gli scienziati con posizioni diverse perche l'evidenza scientifica si afferma in un tempo lungo, ma qui siamo stati costretti a fare tutto in tempi stretti. Le agenzie internazionali è evidente che opereranno con rapidità. Abbiamo cioè un duplice obiettivo: mantenere altissimo il livello sicurezza ed avere tempi rapidi. Questa è la sfida nuova dell'umanità».
 

«Campionato, i protocolli ci sono e vanno rispettati»

Sul rischio di uno stop al campionato di calcio in caso di altri casi positivi a Covid-19 tra i giocatori, Speranza ritiene che i protocolli ci siano e che vadano rispettati. «Come sapete abbiamo regole molte ferree che ci hanno consentito di fare ripartire il campionato di calcio. Io ho una posizione molto rigida sulla partecipazione del pubblico, su cui dobbiamo essere molto attenti. Le indicazione del Comitato tecnico scientifico devono essere rispettate da tutti».

Ultimo aggiornamento: 12:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA