Green pass, rafforzati controlli ai confini: ipotesi quarantena per gli arrivi da Est

Martedì 23 Novembre 2021 di Cristiana Mangani
Green pass, rafforzati controlli ai confini: ipotesi quarantena per gli arrivi da Est

Il governo italiano sta valutando in che modo intervenire per difendere i propri confini, e potrebbe decidere di ripristinare la quarantena per chi arriva dai paesi dove il virus sembra fuori controllo. Nei giorni scorsi, a sollevare la questione frontiere è stato anche l'assessore alla salute del Lazio, Alessio D'amato. «Serve la quarantena per chi proviene da alcuni Paesi dell'Est Europa dove i numeri dei nuovi casi sono altissimi e la percentuale dei vaccinati è bassa - ha spiegato -. Con Romania e Bulgaria l'Italia ha intensi rapporti, i lavoratori di quelle Nazioni sono impegnati nell'assistenza agli anziani, non possiamo rischiare». D'Amato ha chiarito che «andrà tutto fatto con spirito di collaborazione. Il lavoro che queste persone svolgono nel nostro Paese è molto importante», ma il rischio contagio è troppo elevato ed è necessario agire prima possibile.

 

 

Emergenza ai confini

 

L'emergenza c'è e nessuno lo nega. Non sono certo gli arrivi in aereo o in treno a preoccupare, ma tutto quel movimento che riguarda le auto e i pullman, generalmente difficili da controllare. Va detto, poi, che dopo il periodo di forte emergenza legato ai flussi migratori, da qualche tempo i controlli alle frontiere italiane sono meno pressanti: il personale è scarso ed è impossibile garantire un impegno maggiore. «Sicuramente ci sarà una stretta - ipotizzano al Viminale -. Sulla base, poi, della scelta politica si dovranno predisporre gli interventi necessari». Ma la linea dovrà essere chiara. Come ci si comporterà in caso di no vax e no Green pass? L'idea è quella di estendere i controlli, attualmente a campione, facendoli diventare più frequenti, anche se sarà impossibile controllare tutti. Attenzione massima per chi proviene dalla Slovenia, dalla Croazia, dall'Austria e da diversi altri paesi dell'Est. Anche se le restrizioni per i viaggi dei no vax non potranno mai essere obbligatorie.
Nel frattempo, un aggiornamento delle Raccomandazioni del Consiglio europeo sulla libera circolazione nella Ue verrà ufficializzato a giorni. Lo ha ribadito ieri la commissaria Stella Kyriakides al Parlamento europeo. «Nel tentativo - viene specificato - di disciplinare gli spostamenti dalle aree nelle quali il virus sta circolando a livelli particolarmente alti e per contenere la diffusione di ogni potenziale nuova variante».

 

 

 

Le segnalazioni

Dentro casa, poi, si sta valutando se approvare un super Green pass. Da più parti si stanno sollevando proteste per la mancanza di controlli nei bar e nei ristoranti. Ma le forze dell'ordine lo hanno già spiegato chiaramente: il loro intervento sarà possibile solo in caso di segnalazione da parte dei clienti. Oppure nel caso di pattuglioni disposti da prefetti e questori nei quartieri della movida.
Il tutto, però, in una sorta di bilanciamento dei diritti, così come spiega la stessa ministra dell'Interno Luciana Lamorgese: «È stato un anno che ha visto grandi manifestazioni di protesta contro il Green pass - ha dichiarato la ministra durante la presentazione del calendario della Polizia al museo Maxxi - ma le nostre forze di polizia hanno saputo svolgere il loro ruolo sempre con grande professionalità e umanità. La nostra non è una linea soft ma la linea di chi vuole comprendere le esigenze di chi manifesta, con la fermezza di proteggere il bilanciamento dei diritti. Il problema è proprio questo».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA