Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

M5S, Conte su Draghi: «Premier tecnico non può attaccare i partiti, siamo al governo per gli italiani non per lui». E Taverna accusa Grillo

Taverna a Grillo: "Il Movimento non è di tua proprietà". Ma le dice: ho allontanato l'autore dal mio staff

Mercoledì 29 Giugno 2022
M5S, Taverna e il giallo del post (rimosso) contro Grillo: «Delegittimi Conte». Lei replica: «Errore del mio staff»
1

Il caso Taverna-Grillo. Il caso Conte-Draghi. Nel movimento 5 stelle è una giornata "calda", non solo per via del clima. «Vorrei precisare che Grillo mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire che siamo una comunità, lavoriamo insieme. Lo trovo sinceramente grave che un premier tecnico che ha avuto da noi investitura, si intrometta nella vita di forze politiche che lo sostengono per altro» Lo ha detto il presidente del M5s Giuseppe Conte, dicendosi «sconcertato» in riferimento alle voci su una richiesta di Draghi a Grillo di rimuovere Conte.

 

TAVERNA - È giallo sull'ultimo post anti-Grillo pubblicato da Paola Taverna e poi sparito dalla pagina Facebook della vicepresidente del Senato e del M5S. Commentando l'intervista al Fatto di Domenico De Masi, nella quale il sociologo racconta che Beppe Grillo gli avrebbe parlato della richiesta del premier Mario Draghi di rimuovere Giuseppe Conte dal Movimento, Taverna scrive: «Succedono cose inverosimili... Succedono cose inimmaginabili e spesso senza un perché. Beppe insieme a Gianroberto ci hanno regalato un sogno, un'alternativa valida ad un sistema politica marcio. Ora ci si chiede il perché... perché sta succedendo questo Beppe? Perché - rincara la vice di Conte - stai delegittimando il nostro capo politico. Il Movimento non è di tua proprietà, il Movimento lo abbiamo costruito tutti insieme mettendoci tempo, fatica e denaro. Questa volta Beppe ci devi dare delle spiegazioni valide a tutto questo. Noi siamo con Giuseppe Conte».

M5S, Grillo incontra i deputati: «Noi restiamo al governo, il limite dei 2 mandati non si tocca»

Caos M5S, Grillo a Roma per aprire al terzo mandato. Sperando che non sia troppo tardi

Il post, apprende l'Adnkronos, ha fatto il giro delle chat stellate prima di essere rimosso dalla pagina social della Taverna. «È un errore dello staff...», la spiegazione che trapela da fonti stellate. Raggiunta telefonicamente dall'Adnkronos, Taverna in lacrime assicura che è stato un errore, «ho allontanato l'autore dal mio staff, era un post destinato alla sua pagina personale... sono disperata».

LA TELEFONATA - C'è stata una lunga telefonata, questa mattina, tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo, arrivato con oltre un'ora di ritardo in Senato, dove era atteso alle 9, proprio perché impegnato con il presidente del M5S. Un punto a 360 gradi tra i due - fa sapere l'Adnkronos - anche per sciogliere il nodo Sicilia e l'eventuale deroga ad hoc per Giancarlo Cancelleri, con due mandati alle spalle ma pronto a scendere in campo per le primarie da governatore: il voto online, per concedergli la deroga, dovrebbe essere annunciato entro le prossime ore, perché lo statuto del Movimento prevede un preavviso di 24 ore e i termini, per presentare le candidature, scadono domani. Stando a voci interne al Movimento, è difficile che a Cancelleri venga concesso il via libera.

GIUSEPPE CONTE - «Vorrei precisare che Grillo mi aveva riferito di queste telefonate, vorrei chiarire che siamo una comunità, lavoriamo insieme. Lo trovo sinceramente grave che un premier tecnico che ha avuto da noi investitura, si intrometta nella vita di forze politiche che lo sostengono per altro» Lo ha detto il presidente del M5s Giuseppe Conte, dicendosi «sconcertato» in riferimento alle voci su una richiesta di Draghi a Grillo di rimuovere Conte. «Si conferma che le ultime iniziative, tra cui la costituzione di un nuovo gruppo» capitanato da Luigi Di Maio, «rispondono a logiche e manovre di Palazzo», ha specificato ancora Conte, arrivando alla sede del M5S. «Per quanto riguarda il sostegno al governo, noi siamo qui per difendere gli interessi degli italiani. Prendiamo atto che io sono attaccato quotidianamente per distruggere il Movimento, ma per quanto riguarda il nostro atteggiamento -leale, costruttivo, corretto- non cambia nemmeno davanti a episodi che reputo così gravi. Il nostro obiettivo non è sostenere Draghi ma sostenere gli interessi degli italiani».

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA