Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rossana Di Lorenzo, morta l'attrice: dalla moglie di Alberto Sordi a Erminia di Vacanze di Natale, chi era

L'attrice se ne è andata a 84 anni. Interpretò "Il comune senso del pudore" con Sordi e fu la signora Marchetti in "Vacanze di Natale"

Sabato 13 Agosto 2022 di Gloria Satta
Morta Rossana Di Lorenzo, l'attrice aveva 84 anni: interpretò la moglie di Alberto Sordi in due film

Addio a Rossana Di Lorenzo. L'attrice è morta oggi, nella sua casa romana. Aveva 84 anni ed era sorella di Maurizio Arena. A darne notizia è stato il nipote Pino Insegno, anche lui attore. Il nome di Rossana Di Lorenzo è legato in particolare al ruolo della moglie di Alberto Sordi, interpretato sia nell'episodio "La camera" nel film "Le coppie" (per cui è stata candidata come migliore attrice non protagonista ai Nastri d'Argento nel 1971) sia nel film "Il comune senso del pudore", diretto dallo stesso attore. 

 

Chi era Rossana Di Lorenzo

Nata a Roma il 4 marzo 1938, aveva 84 anni. Dagli anni Settanta fino metà dei Novanta Rossana, fisico statuario da popolana romana, romanesco implacabile e simpatia travolgente, ha costruito una carriera cinematografica di tutto rispetto.

LA SCENA Tra i suoi film figurano Senza famiglia nullatenenti cercano affetto diretto da Vittorio Gassman e da lui interpretato con Paolo Villaggio (1972), Per amare Ofelia di Flavio Mogherini (1974), L'eredità Ferramonti di Mauro Bolognini (1976), Ballando ballando di Ettore Scola (1983, che le valse nel 1983-84 una candidatura ai David come migliore attrice non protagonista) e ben tre regie di Carlo Vanzina: il cult padre di tutti i cinepanettoni Vacanze di Natale (1983), Amarsi un po' (1984), Montecarlo Gran Casinò (1987). In Il comune senso del pudore, diretto dallo stesso Sordi per dare una spallata alla censura in quel periodo imperversante, Rossana è Erminia, la moglie di un maturo operaio che la porta al cinema per la prima volta dopo tanti anni per festeggiare le nozze d'argento. Ma i due incappano ingenuamente in un film pornografico e la donna ha dapprima una reazione scandalizzata, quasi isterica, poi finisce per subire il fascino di quelle... ambientazioni. Nella commedia a episodi Le coppie, nello sketch intitolato La Camera e diretto ancora da Albertone, Rossana è sempre Erminia, la moglie di un operaio della acciaierie di Terni che, anche in questa occasione, vuole festeggiare un anniversario di nozze e decide di portare la dolce metà in un lussuoso hotel della Costa Smeralda. Ma la direzione dell'albergo, che aveva confermato la prenotazione pensando per errore che i due fossero degli aristocratici, caccia la coppia perché ha l'aspetto troppo plebeo. I due cominciano allora a peregrinare da una struttura all'altra della zona venendo a scoprire vizi e perversioni inconfessabili, in primo piano la droga, dell'alta società. Fino a ritrovarsi in prigione, dividendo la stessa cella, dopo aver partecipato a una rissa... Sordi amava molto Rossana che aveva conosciuto nel 1970 sul set del film Il presidente del Borgorosso Football Club. E lo ricambiava orgogliosa. «Sordi mi aveva visto sui giornali, lui voleva na faccia romana così me chiama pe' telefono, ride come solo lui sa fa' e me domanda Come va Contessa?», raccontava l'attrice, «e così vado a fare il provino in Emilia Romagna, dove stava, con mio figlio che allora aveva sei o sette anni».

LA TELEVISIONE

Da quel momento Rossana comincia la sua cavalcata nel mondo del cinema decidendo però di lasciarlo una decina d'anni dopo, rifiutando perfino la proposta di girare Amarcord di Federico Fellini, per aprire un negozio sulla Portuense. Sarà la telefonata di Ettore Scola che la vuole in Ballando ballando a farla tornare sui suoi passi. L'attrice lavora poi in televisione nella trasmissione Subbuglio accanto a Giancarlo Magalli e in teatro nello spettacolo Soap con il nipote Pino Insegno. In omaggio alla propria romanità, interpreta quindi il personaggio di Sora Garbatella per alcune iniziative di quartiere organizzate dall'associazione culturale Il tempo ritrovato. Ma dalla metà degli anni '90 smette definitivamente di lavorare nel cinema, anche se i registi, compreso il suo Albertone, continuano a cercarla ancora.

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 16:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA