Pio e Amedeo attaccano Fedez ai Seat Music Awards: «In Rai c'è libertà, la polemica ti fa vendere i prodotti». E il rapper replica così

Venerdì 10 Settembre 2021 di Mattia Marzi
Pio e Amedeo attaccano Fedez ai Seat Music Awards: «In Rai c'è libertà, la polemica ti fa vendere i prodotti». E il rapper replica così

Ai Seat Music Awards 2021 non c'è, ma Fedez finisce comunque al centro dell'attenzione. Complice una polemica a distanza con Pio e Amedeo, tra gli ospiti della prima delle due serate condotte da Carlo Conti e Vanessa Incontrada, trasmessa ieri in diretta su Rai1 dall'Arena di Verona (la seconda andrà in onda oggi). I due comici, che lo scorso maggio sono finiti nell'occhio del ciclone per via del discusso monologo sul politically correct proposto nel corso di una puntata del loro show su Canale 5 "Felicissima sera", hanno attaccato il rapper dal palco dell'evento pensato per celebrare i successi dell'ultima stagione discografica, evento al quale Fedez non ha partecipato per "impegni precedentemente presi".

Fedez e Sgarbi, è scontro social: «Sulle unghie lo smalto, nel cervello la ruggine»

Ferragni, la lite in barca ha "anticipato" il testo della canzone di Fedez?

Il discorso in diretta

"Non c'è alcun nesso con quanto accaduto al Primo Maggio", aveva spiegato alla vigilia dei Seat Music Awards il direttore di Rai1 Stefano Coletta, commentando l'assenza del rapper milanese nonostante i 4 Dischi di platino del duetto con Orietta Berti e Achille Lauro su "Mille", i 3 di "Bimbi per strada (Children)", i 2 della sanremese "Chiamami per nome" e "Bella storia". Eppure è proprio sulla tanto chiacchierata partecipazione di Fedez al Concerto del Primo Maggio, finita tra le polemiche dopo che il rapper ha denunciato presunti tentativi di censura da parte dei vertici Rai nei suoi confronti legati al contenuto del suo intervento contro la Lega e pro ddl Zan, che si sono concentrati Pio e Amedeo. Chiamando direttamente in causa il rapper: "Ci avevano detto: i dirigenti della Rai censurano, non si può dire niente, invece no. È libera, c'erano tutti i dirigenti lì dietro, nessuno si è permesso di venire da noi a dirci: ragazzi che dite? Di cosa parlerete? Nessuno. Anche perché se ce lo avessero chiesto, ci saremmo inventati altre cose. Si fa così, soprattutto quando è in diretta. Uno va in diretta e dice quello che pensa. Anche qualcun altro avrebbe potuto fare così senza suscitare tante polemiche. Non è che arrivano i bodyguard a prenderti e a trascinarti via dal palco. Dai, Federico (è il vero nome di Fedez, ndr)... Fai la polemica, ti piace che si fa il traffico sui social. Poi fai 'swipe up' e mi vendi i prodotti: 'Comprati lo smalto che ho fatto io', 'Comprati la valigia'".

 

La replica

La replica di Fedez non si è fatta attendere. È ad una serie di storie pubblicate sul suo account Instagram ufficiale - 12,8 milioni di follower - che l'ex giudice di "X Factor" ha affidato la sua risposta alle frecciatine di Pio e Amedeo, rispedendole ai mittenti: "Figo. Onesto, una delle cose più fighe che ho visto in Rai. L'ho trovata una grande installazione artistica. Nella rete in cui non vorrebbero che tu citassi nomi di politici perché non è presente un contraddittorio, ti ripulisci la coscienza ingaggiando due rivoluzionari anticonformisti cercando di sputtanare l'avversario senza contraddittorio", ha detto Fedez dell'intervento di Pio e Amedeo. E ancora, riferendosi proprio al monologo sul politically correct di "Felicissima sera": "Bravi tutti. Bravi Pio e Amedeo, spero un giorno di diventare un anticonformista e un antisistema come voi. Domani comincerò uscendo per strada dando del frocio e del negro a tutti per strappare sorrisoni. Apro anche il mio chioschetto di smalti senza il quale non riuscirei a dare da mangiare ai miei figli e mi inventerò qualche polemica per vendere i miei smaltini".

Annunci, duetti, omaggi e pioggia di statuette: da Alessandra Amoroso a Zucchero, passando per Claudio Baglioni, Orietta Berti, Achille Lauro, Madame e Sangiovanni, la musica italiana si autocelebra sul palco dell'Arena di Verona. I Seat Music Awards premiano i dischi e i singoli di maggiore successo del periodo compreso tra il giugno 2020 e l'agosto 2021. Dopo Gigi D'Alessio, Il Volo, Marracash, Ligabue, Marco Mengoni, Mahmood, Fiorella Mannoia, Purple Disco Machine, Andrea Bocelli, Massimo Pericolo, Aka 7even e gli Psicologi, domani ad esibirsi saranno Annalisa, Baby K, Loredana Bertè, Blanco (il 18enne rapper della provincia di Brescia da tredici settimane in testa alla classifica Fimi dei singoli più ascoltati e scaricati in Italia con "Mi fai impazzire", in duetto con Sfera Ebbasta), Boomdabash, Capo Plaza, Colapesce e Dimartino, Deddy, Fred De Palma, Diodato, Emma, Emis Killa & Jake La Furia, Ernia, Francesco Gabbani, Loretta Goggi, Guè Pequeno, Il Tre, Irama, Elettra Lamborghini, Mace, Negramaro, Noemi & Carl Brave, Pinguini Tattici Nucleari, Rkomi, Rocco Hunt & Ana Mena, Federico Rossi, Mara Sattei, Shade, Takagi & Ketra con Giusy Ferreri e Tancredi.

 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 11 Settembre, 10:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento