Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kalush Orchestra, dopo l'Eurovision il cantante torna in Ucraina: «Pronto a combattere»

«Difficile dire cosa succederà ora. Per essere a Torino abbiamo avuto un permesso temporaneo. Siamo pronti a combattere, come possiamo e fino a quando possiamo»

Domenica 15 Maggio 2022
Kalush Orchestra, dopo l'Eurovision il cantante si arruola per l'Ucraina: «Pronto a combattere»

Prima l'Eurovision, poi la guerra. Oleh Psjuk, il frontman della Kalush Orchestra, vincitore la scorsa notte del contest canoro europeo, ha salutato la sua ragazza prima di mettersi in viaggio in direzione Ucraina. Il cantante è stato fotografato mentre - dopo avere caricato i suoi effetti personali su un taxi - abbracciava la sua ragazza Oleksandra fuori dal suo hotel a Torino, in Italia, prima di partire con indosso il suo caratteristico cappello rosa e uno zaino. Secondo il Daily Mail, Psjuk avrebbe intenzione di arruolarsi nell'esercito ucraino.

Kalush, il cantante: «Adesso siamo pronti a combattere per l'Ucraina»

Ieri la band, sul palco di Torino, ha lanciato un appello per aiutare Mariupol e l'acciaieria Azovstal. Un gesto rischioso poiché poteva costare l'eliminazione, ma l'organizzazione ha ritenuto che il messaggio non fosse politico (espressamente vietato dal regolamento), ma umanitario. In conferenza stampa Oleh Psjuk ha dichiarato: «La squalifica era un prezzo che non avrei esitato a pagare per far passare il mio messaggio. La nostra gente è bloccata nell'acciaieria e non può uscire. Bisogna liberare quelle persone e per farlo abbiamo necessità di far circolare le informazioni, di fare pressione sui politici».

 

E ha concluso: «Difficile dire cosa succederà ora. Per essere a Torino abbiamo avuto un permesso temporaneo fino a domani. E come ogni ucraino siamo pronti a combattere, come possiamo e fino a quando possiamo».

Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA