Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gigi Proietti è morto, da Trilussa al Globe: così ha fatto di Roma il suo palcoscenico

Lunedì 2 Novembre 2020 di Gloria Satta
Gigi Proietti è morto, da Trilussa al Globe: così ha fatto di Roma il suo palcoscenico

C'è un filo rosso che, al di là dell'immenso talento, lega la carriera poliedrica di Gigi Proietti, sempre a cavallo tra teatro, cinema e tv: la romanità. Nato in una casa di via Sant'Eligio, una traversa di Via Giulia, poi studente al Liceo Augusto, l'attore si è fatto le ossa come cantante nei night club della Capitale per mantenersi agli studi di Giurisprudenza presso la Sapienza. E ha sempre raccontato che sono stati proprio i personaggi popolari della Roma dell'epoca a fornirgli l'ispirazione per i primi tipi comici da lui portati in palcoscenico. Per la cultura della sua città, l'attore ha sempre avuto un grande amore. E un rispetto incrollabile espresso in una serie di iniziative di grande rilievo come la creazione della Scuola teatrale (che negli anni avrebbe sfornato molti talenti tra cui Enrico Brignano e Paola Minaccioni) e la costruzione del Globe Theatre Silvano Toti nel verde di Villa Borghese «dove un tempo c'erano siringhe e immondizia»: da 17 anni è ancora un punto di riferimento della vita artistica della città, sempre gremito di giovani e consacrato a Shakespeare.

Gigi Proietti è morto: oggi avrebbe compiuto 80 anni

Gigi Proietti ricoverato, l'affetto vola sui social: «Facce 'sta mandrakata...»


LA LINGUA NOBILE
Ma orgoglio della romanità, per Proietti, è anche la difesa del romanesco, inteso come la lingua nobile di Trilussa e del Belli: la lingua in cui Gigi ha scritto molti componimenti poetici ed ironici, sonetti chiamati da lui stesso versacci e pubblicati per anni sul Messaggero, da sempre il suo giornale di riferimento. Era infatti in romanesco lo struggente sonetto da lui composto e letto nel 2003 al funerale di Alberto Sordi tra la commozione generale. Ma proprio di recente l'attore si è accorto che lo spirito della nostra città era cambiato: «Un tempo avrei detto che la nostra prima qualità è la tolleranza, scambiata per pigrizia», ha osservato, «purtroppo siamo diventati troppo nervosi anche noi. Damose na calmata». Tra i progetti recenti di Gigi, figura la creazione di Radio Raccordo Anulare, un'emittente gestita da giovani per tenere collegate e informate tutte le zone della città, specialmente le periferie per risolvere un grande problema «che, in una metropoli come la nostra, è la comunicazione. I romani devono potere conoscersi, non rimanere distanti come isole». E il degrado? «Facile rispondere le solite buche e la solita immondizia, ma sono problemi antichi. Non a caso già Aldo Fabrizi cantava Buongiorno monnezza».

 


LA POLITICA
Qualcuno, in considerazione della sua immensa popolarità, gli aveva offerto di entrare in politica. Gigi ha sempre rifiutato. Il suo motto: «Meglio essere un discreto attore che un pessimo politico». Unica condizione per accettare: l'esistenza di un dicastero per le formazioni professionali. «Vorrei riaprire il Laboratorio per giovani attori, ci penso seriamente e intanto ho proposto all'Accademia Silvio D'Amico di mandare i neo-diplomati a farsi le ossa al Globe». Roma, e ancora Roma nel cuore.

Video

Ultimo aggiornamento: 20:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA