Gianluca Vacchi rompe il silenzio dopo le accuse degli ex dipendenti: «Contro di me falsità e frasi offensive. Ora denuncio io»

Dopo la bufera mediatica l'influencer si difende dalle accuse

Martedì 31 Maggio 2022
Gianluca Vacchi rompe il silenzio dopo le accuse degli ex dipendenti: «Contro di me falsità e frasi offensive. Ora denuncio io»

Gianluca Vacchi rompe il silenzio dopo le accuse degli ex dipendenti del suo staff: «Sono state diffuse, in modo fuorviante, numerose affermazioni false e gravemente offensive». Ma andiamo con ordine: tutto è cominciato dopo un'ospitata a Domenica In, da allora il caso Vacchi è letteralmente esploso. Il Mister Enjoy del web era andato nel salotto di Mara Venier per raccontarsi senza filtri e per promuovere l'uscita della sua docu-serie Mucho Mas approdata su prime Video dal 25 maggio. Da zia Mara l'influencer aveva parlato della sua vita a 5 stelle e del suo amore per la figlia Blu Jerusalema avuta dalla compagna Sharon Fonseca. Ma poi a fiume sono arrivate le polemiche.

Gianluca Vacchi, due dipendenti accusano: «Noi pagati in nero, ci deve 700mila euro». E lui: «Mi avete rubato 1 milione»

Gianluca Vacchi, le (ipotetiche) denunce 

Prima i leoni da tastiera che hanno giudicato male la "giornata tipo" dell'imprenditore, poi a colorire la questioni ci si sono messe delle notizie di presunte denunce da parte dello staff di Vacchi. Il materiale audio in mano de La Repubblica scatena la bufera. Una colf filippina di 44 anni ha trascinato l'influencer in tribunale dopo anni di "sfruttamento" e di comportamenti che hanno recato "stress" sul posto di lavoro. Perché non solo erano costretti a lavorare dalle 10 di mattina fino alle 4-5 della notte, ma dovevano spesso andare "a tempo di musica", eseguire balletti "perfettamente" altrimenti si "scatenava la rabbia di Vacchi che inveiva contro i domestici, lanciando il cellulare e spaccando la lampada usata per le riprese".

Gianluca Vacchi, il video dello staff: «Se si arrabbia ci chiede scusa». Dubbi sul web: trovata pubblicitaria?

La difesa della Crew

A poco è servito il video che la sua Crew ha realizzato per elogiare i comportamenti del loro datore di lavoro, perché da quel video alle notizie di altre denunce è passato veramente poco. Altri due ex dipendenti, stavolta italiani, secondo quanto riportato da La Repubblica avrebbero querelato il dj che lo accusano di sfruttamento del lavoro. Secondo quanto riferito dai coniugi, responsabili delle ville e dello staff, avrebbero prestazio servizio per10 anni senza regolare contratto. E inoltre secondo quanto si apprende dal giornale la coppia aveva affidate diverse carte di credito e bancomat affinchè si prelevasse piu' denaro contante possibile perché vacchi pagava molti dei suoi dipendenti in nero. 

Gianluca Vacchi, (quasi) pronta la villa per Blu (da 15mln): «Spero di vivere abbastanza per vedere mia figlia capire i privilegi che ha»

L'influencer rompe il silenzio

Per giorni Gianluca è stato zitto e buono a leggere tutto ciò che gli è piovuto addosso, ma ora rompe il silenzio. «Riguardo alle notizie apparse in questi giorni sui media non ho rilasciato alcuna dichiarazione né ho intenzione di farlo: ci sono infatti dei procedimenti in corso e spetta unicamente ai giudici esprimersi al riguardo». Però il re dei balletti social ci tiene a mettere i untini sulle ì e lascia le sue parole all'Ansa: «Sono state altresì diffuse, in modo fuorviante, numerose affermazioni false e gravemente offensive, anche riguardo a fatti per i quali non è mai stata presentata alcuna denuncia e che non costituiscono oggetto dei già citati procedimenti giudiziari: ho dato quindi mandato ai miei legali di tutelarmi in tutte le sedi competenti».

 

La nota è stata diffusa dagli avvocati dell'imprenditore. Secondo quanto si apprende i procedimenti in corso di cui si parla riguardano una ex colf, che ha avviato una causa al tribunale del Lavoro di Bologna e una coppia di lavoratori domestici, che hanno impugnato un licenziamento e nei confronti dei quali Vacchi ha sporto una denuncia alla Procura bolognese

Ultimo aggiornamento: 14:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA