Can Yaman, addio a Diletta Leotta: a Venezia l'attore sorride felice con Moran Atias

Lunedì 6 Settembre 2021
Can Yaman, a Venezia l'attore sorride felice con Moran Atias: addio a Diletta Leotta

Can Yaman e Diletta Leotta, sembra proprio giunta al termine la love story tra i due bellissimi ragazzi. Da tempo i rumors li raccontavano separati ma ora sembra proprio essere arrivata la conferma. Di ufficiale non c'è nulla ma ormai l'addio è ben chiaro a tutti. L'estate che era partita bollente per Can e Diletta con foto in barca e baci appassionati sembra essersi spenta del tutto. L'ultimo post in cui la Leotta appare con l'attore turco risale all'11 luglio, notte magica per festeggiare la vittoria dell'Italia agli europei. Da quel post, mai più nulla. Buona parte dell’estate l’hanno trascorsa separati, lei ha festeggiato il suo 30esimo compleanno da sola e lui è arrivato a Venezia da single e sul red carpet ha sfoggiato un sorriso radioso a fianco di Moran Atias. Curve mozzafiato, che ricordano tanto la Leotta, quelle dell'attrice israeliana che a Venezia non è stata lasciata un secondo dagli sguardi intriganti e maliziosi di Can. E Moran nel frattempo condivide i post dei fan che le fanno l'in bocca al lupo per la nuova storia d'amore con il bell'attore turco.

 

Can Yaman, addio a Diletta Leotta

Diletta di tutta risposta ha postato su instagram una foto in costume distesa in giardino: «L'estate sta finendo e un anno se ne va sto diventando grande lo sai che non mi va», probabilmente solo per citare Righiera ma l'aria malinconica (anche se il fisico mozzafiato è sempre protagonista), fanno pensare anche a un pensiero per la distanza che ormai la divide da Can.

 

 

L'arrivo di Can a Venezia

Lui è sbarcato in laguna da divo, bello e travolgente come sempre, impegnato a districarsi tra fan impazzite a caccia di un selfie e telecamere puntate. «Ormai ci sono abituato, mi inseguono dappertutto, non immaginavo fino a pochi mesi fa una cosa del genere», ha scherzato l'attore turco durante la conferenza stampa del Filming Italy Best Movie Award. «Vivo da otto mesi a Roma e mi sono abituato a queste scene». Decine di ragazze ma anche di donne mature, spesso madri con figlie al seguito, hanno seguito per ore gli spostamenti di Yaman in giro per il Lido, tra l'Hotel Excelsior e la Terrazza Campari, in cerca di una foto o un selfie. Can Yaman è impegnato in numerosi progetti, tra cui nei prossimi mesi una nuova serie dedicata a Sandokan, la Tigre della Malesia nata dalla penna dello scrittore Emilio Salgari.

 

Can Yaman è felice

Sorride sornione, compiaciuto e soddisfatto e lui non pare per nulla disperato per la lontananza dalla Leotta. Anzi, butta l'occhio altrove e sul red carpet si lascia distrarre spesso e volentieri dal décolleté della collega Moran con la quale pare avere una grande complicità. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA