Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Ambra Angiolini occupa casa mia abusivamente e non vuole andarsene»: l'accusa di Silvia Slitti, moglie del calciatore Pazzini

La wedding planner dei vip, moglie dell'ex calciatore Giampaolo Pazzini, si è sfogata sui social contro la neo giudice di X-Factor,

Mercoledì 21 Settembre 2022
«Ambra Angiolini occupa casa mia abusivamente e non vuole andarsene»: l'accusa di Silvia Slitti, moglie del calciatore Pazzini

Silvia Slitti all'attacco, nel mirino Ambra Angiolini. La wedding planner dei vip, moglie dell'ex calciatore Giampaolo Pazzini, si è sfogata sui social contro la neo giudice di X-Factor, senza mai nominarla direttamente, ma lasciando intendere chiaramente di avercela con lei. L'oggetto del contendere è la casa di Milano di proprietà della Slitti, ma abitata dalla ex cantante. «Gliel'ho affittata per 10 mesi nel 2021 per farle un favore e non è più voluta andare via. Adesso siamo dovuti passare alle vie legali», spiega. Poi racconta tutto a Selvaggia Lucarelli in una lunga intervista a Domani e conferma: si tratta proprio dell'ex stella di Non è la Rai.

Ilary Blasi, passeggiata da single a via del Corso (senza fede al dito): la nuova vita social lontana da Totti

Il racconto

Silvia Slitti racconta la storia in maniera impersonale, fingendo di raccontare una disavventura successa a un'amica, ma poi non si contiene. «Oggi vi voglio raccontare una storia perché è una situazione che mi fa stare male, che mi rende impotente e per questo frustrata - scrive la wedding planner -. Sono demoralizzata nei confronti dell'essere umano "donna'' che io invece ho sempre reputato molto capace di ragionare e di "fare la cosa giusta". La storia si svolge a Milano. I nostri protagonisti a Milano hanno vissuto, hanno amici, una dei due ha aperto anche la sua attività... e anni fa decisero proprio li di acquistare CASA. Non una casa à "cazzeggio", ma proprio CASA... Quella per cui scegli anche le mattonelle del bagno e fiori sulla terrazza. Avete presente la parola CASA?!? Ecco», scrive con trasporto.

Poi il riferimento chiaro ad Ambra Angiolini: La "persona" in questione era nota al grande schermo, vantava anni e anni di conduzione, cinema, musica un passato illustre e una reputazione sempre difesa a spada tratta. I nostri amici (si riferisce a se stessa e al marito, ndc) si erano sentiti tranquilli ad affidarle un "pezzetto di cuore". Ma purtroppo le persone non sempre si rivelano per ciò che dicono, anche se c'è una nota canzone che dice: "Se prometto, poi mantengo...».

La casa

La Slitti nelle storie svela tutto, poi alla Lucarelli chiarisce facendo nomi e cognomi. Ha affittato la casa ad Ambra e Allegri nel giugno 2021, quando lei e il marito avevano deciso di trasferirsi momentaneamente in una località di mare. La 45enne e l'allenatore della Juventus, poi, si sono lasciati e Ambra ha deciso di rimanere nell'appartamento, locato per soli 10 mesi. Allo scadere del contratto il patatrac. Ambra avrebbe dovuto fare i bagagli, ma così non è stato: «Abbiamo scoperto che la casa non sarebbe stata liberata fino a quando, chi l'aveva abitata fino a quel momento, non avesse deciso di andarsene. Come fosse casa sua», spiega. «Ora i nostri amici non possono rientrare in casa propria, mentre la persona in questione manifesta sorrisi e serenità in tv», le sue parole. 

 

«Andati per vie legali»

Tantissimi i messaggi di supporto arrivati a Silvia Slitti in risposta al racconto postato. «Si chiama occupazione abusiva, è reato», le risponde un utente. «Sì, infatti adesso abbiamo scelto la via legale - risponde lady Pazzini -. Ho provato a risolverla gentilmente, ma non è stato possibile. Ora ho perso la pazienza. Stiamo facendo il possibile, ma purtroppo la legge tutela chi dovrebbe essere tutelato di meno di chi, come me, è parte lesa e deve subire le conseguenze». 

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 09:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA