Giovedì 11 Ottobre 2018, 00:00

La Fenice e la ditata di Rossini

La Fenice  e la ditata  di Rossini
L'AUTOGRAFODue semplici impronte di inchiostro sul pentagramma che sprigionano fascino antico e trasudano talento. Ad imprimerle sullo spartito Gioachino Rossini intento a comporre la partitura di Semiramide. Fogli su fogli, sparpagliati a terra nel fervore creativo, che inizialmente non portavano nè titolo, nè nome del compositore. La nota che ne attesta l'autenticità è di trent'anni dopo quando il compositore marchigiano era già a Parigi. «Attesto io sottoscritto essere questo l'autografo originale della mia opera Semiramide, G....
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La Fenice e la ditata di Rossini
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER