Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'EVENTO
VENEZIA Si svolgerà domani, domenica 22, la Giornata dell'Artigianato

Sabato 21 Settembre 2019
L'EVENTO
VENEZIA Si svolgerà domani, domenica 22, la Giornata dell'Artigianato in Pescheria a Rialto, organizzata dal Comitato Cittadini Campo Rialto Novo e adiacenze.
Dalle 10 alle 19 si terranno esposizioni e dimostrazioni pratiche dei mestieri di una volta riuniti nel mercato per rimarcare l'importanza della vita produttiva della città.
«L'iniziativa è volta a preservare l'artigianato veneziano. Inoltre permette di valorizzare anche quegli artigiani che lavorano nelle zone meno di passaggio in città», spiega Gabriella Giaretta, la presidente del comitato. Sono 36 gli artigiani, custodi dei saperi di un tempo, che hanno aderito all'iniziativa, dove in 29 postazioni si potrà conoscere più da vicino il lavoro di perlere-impiraresse, vetrai, vetrai con piombo, stampatori-editori, cartai, artigiani del cuoio, ceramisti bochaleri, arrotino-gua, mascareri, merlettaie-ricamadore, terrazzeri, tapezzieri e ferraioli.
Inoltre due saranno gli eventi speciali. Alle 16 si terrà la performance teatrale L'Urlo muto della Serenissima dinosaura del gruppo Gualtiero Dall'Osto & friends.
Il gruppo è guidato dal maestro mascarer Gualtiero Dall'Osto e vede la regia di Valentin Rosca, primo ballerino del Teatro di Rivista Constantin Tanase di Bucarest. «Lo spettacolo nasce dalla riflessione legata al mondo dell'artigianato veneziano, alle avversità e ai drastici mutamenti che gli antichi e attuali mestieri soffrono ai nostri giorni.
Venezia ha bisogno per la sua sopravvivenza proprio di quelle mani intelligenti, invece questi mestieri, un po' alla volta dimenticati, tramontano inesorabilmente», spiega la compagnia, che per risvegliare le coscienze e suscitare una reazione ha ideato questo spettacolo.
Nella rappresentazione gli abitanti, che non si riconoscono più, sono chiamati a scrollarsi di dosso questo ruolo da fantasma, o da dinosauro in via di estinzione, che la forzata vocazione turistica ha ormai da tempo assegnato ed imposto alla città.
Alle 17.30 invece si terrà l'azione pittorica dal vivo del pittore Sergio Boldrin dal titolo Mercatus Vivus, dedicata a Emilio Vedova in occasione dei 100 anni dalla nascita. Boldrin, oltre a presentare la sua attività di maestro mascarer, armandosi di colori e pennelli svolgerà una performance volta a denunciare il profondo disagio che interessa il mercato, un tempo rigoglioso e punto di incontro: Chiunque oggi si rechi a Rialto capisce che il mercato sta morendo, la situazione degenera giorno dopo giorno spiega l'artista. Il dipinto, una tela di 80x120 cm, nascerà seguendo l'ispirazione del momento.
I colori che Boldrin usa nelle opere per attuare la sua denuncia sono quelli predominanti della tavolozza di Vedova: il nero, il rosso e il bianco.
«Non posso descrivere la mia città con colori solari e raccontarmi una favola, al contrario devo esprimere la situazione che noi veneziani stiamo vivendo e manifestarne il degrado dando così il mio contributo. - e continua - La mia è una pittura di stomaco dove, facendo interagire i colori, cerco di scuotere le coscienze».
Francesca Catalano
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci