Giovedì 18 Luglio 2019, 00:00

IL RITRATTO
«Confesso, con Neruda, che ho vissuto», scrive Andrea Camilleri,

IL RITRATTO«Confesso, con Neruda, che ho vissuto», scrive Andrea Camilleri, in Segnali di fumo, con una frase che, forse, avrebbe gradito come epigrafe funeraria. «Non credo di essere un grande scrittore. In Italia si ha l'ambizione di creare cattedrali, a me piace costruire piccole disadorne chiesette di campagna». Con il papà di Montalbano, morto ieri a 93 anni all'Ospedale Santo Spirito di Roma, dove era ricoverato dal 17 giugno, scompare l'ultimo cantastorie. Tutta l'Italia ieri si è stretta attorno a lui: «Grande narratore, ha...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
IL RITRATTO
«Confesso, con Neruda, che ho vissuto», scrive Andrea Camilleri,
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER