Giovedì 18 Ottobre 2018, 00:00

IL RINVENIMENTO
La lettera che, nell'agosto del 1312, Cangrande della Scala,

IL RINVENIMENTOLa lettera che, nell'agosto del 1312, Cangrande della Scala, signore di Verona, inviò al novello imperatore Enrico VII, «con altissima probabilità fu opera della mente di Dante Alighieri»: l'intuizione è di Paolo Pellegrini, docente di Filologia e linguistica italiana all'università di Verona. La scoperta potrebbe non solo portare al pubblico un nuovo scritto dantesco, che andrebbe ad arricchire il corpus delle sue opere, ma dimostrerebbe che Dante rimase a Verona molto più a lungo di quanto si pensasse, rendendo la...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
IL RINVENIMENTO
La lettera che, nell'agosto del 1312, Cangrande della Scala,
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER