Giovedì 23 Maggio 2019, 00:00

Con l'arte per battere Radetzky

Con l'arte  per battere  Radetzky
L'ANNIVERSARIONon c'è Antonello senza Giovanni Battista. Dove Antonello è il da Messina che si ammira nella strepitosa mostra al Palazzo reale di Milano (fino al 2 giugno) e Giovanni Battista è quel Cavalcaselle da Legnago (Verona) che per primo ha studiato e illuminato l'opera del messinese. Non è un caso che nella mostra milanese siano esposti anche alcuni dei taccuini di Cavalcaselle. La novità, comunque, è che da pochi giorni l'intero fondo, composto da quattordici manoscritti e cinquecento tra libri e opuscoli, donati nel 1904 alla...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Con l'arte per battere Radetzky
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER