Cinema, acqua e sapori Ecco la gastronomia corale

Lunedì 23 Agosto 2021

PIATTI DEL VIAGGIO
Fra snack deliranti e panini sconosciuti, fra cicchetti sovrannaturali e piatti del viaggio, fra cibi familiari e sughi esoterici, fra birre artigianali e vini naturali: ecco il convivio acquatico nei paesaggi lagunari, che è iniziato venerdì scorso e accompagnerà fino al 4 settembre (e, dunque, percorrendo un tratto di strada a braccetto ma parecchio distanti, in tutto con la Mostra del Cinema del Lido) la nuova edizione, la seconda, de Il Cinema GalleggianteAcque Sconosciute, la rassegna sull'acqua che si svolge a Venezia, alla Giudecca, all'altezza del rio de Sant'Eufemia, un vero e proprio drive-in sull'acqua (con barca propria o, per chi ne è sprovvisto, sfruttando un passaggio organizzato dall'associazione Microclima, verso una piattaforma appositamente installata. Info e prenotazioni: cinemagalleggiante.it).
CUOCHI & OSTI
Ogni sera, dalle 18, si alterneranno al bancone e ai fornelli della piccola cucina organizzata per l'occasione, cuochi e cuoche e osti (molto spesso amici) legati al territorio lagunare. Ognuno dei quali presenta piatti, cicchetti e panini. L'idea è non solo quella di precedere, accompagnare e seguire le proiezioni, per un ulteriore spazio di convivialità, ma anche di dare vita ad un esperimento di gastronomia corale e popolare, votata alla ricerca di nuovi modelli di incontro e di relazioni sostenibili, con il territorio e con la comunità che lo abita.
Pensieri e idee che arrivano da Tocia! Cucina e comunità (laboratorio di cucina itinerante, aperto all'inclusione e al coinvolgimento della comunità attraverso il cibo) e da Africa Experience, hub di cucina multietnica avviato ormai diversi anni fa da Hamed Ahmadi, profugo afghano diventato imprenditore a Venezia, per celebrare la cultura del viaggio attraverso la creatività e le storie di migranti approdati in Laguna, e qui sviluppate in collaborazione con Fame, e da Marco Bravetti che di Tocia! è inventore e anima
BACARI & STELLATI
Ai fornelli si alterneranno Donato Ascani (2 stelle Michelin al ristorante Glam dell'hotel Venart a San Stae) e Roberto Falchetti (el'Bacaro de' Bischeri, piccolo angolo di cucina toscana in Ruga degli Oresi), Gulia Busatto (alias Giuppiness, chef di Edipo Re, ristorante galleggiante che solca da anni la Laguna regalando emozioni e goduria), Andrea Rossetti (Osteria V di Trebaseleghe), Cesare e Lorenzo Benelli del Covo a Venezia, e ancora Barbara Grande (La cucina di madame Barbara) e Franco Favaretto, guru del baccalà in tutte le sue declinazioni, della trattoria Baccalà Divino di Mestre.
E poi Silvia Rozas e Marco Zambon della Birraria La Corte in campo San Polo e il Collettivo Cambusa Fantasma. Il tutto con la collaborazione di Majer, brand veneziano che fornirà pane e lievitati. Tutto è cominciato venerdì scorso, quando ad inaugurare il ciclo di serate l'ospite era Masahiro Homma, dell'Osteria Giorgione, seguito il giorno successivo da Francesco Brutto e Chiara Pavan, coppia (anche nella vita), stellata di Venissa, e ieri - da Hamed Ahmadi con le sue cucine migranti di African Experience e Orient Express.
C.D.M.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA