Bocconi avvelenati, Ares morto dopo giorni di agonia

Martedì 28 Dicembre 2021
Bocconi avvelenati, Ares morto dopo giorni di agonia

IL DRAMMA
Ares non ce l'ha fatta. Il cane di 4 anni e mezzo che era stato avvelenato nei giorni scorsi in zona Pineta del Soldato a Gualdo Tadino, è deceduto nonostante tutti i tentativi fatti per salvarlo. A denunciare il fatto era stato il medico veterinario Sandro Bianchini che aveva poi affidato l'animale alle cure della Clinica Veterinaria di Ponte Felcino.
«Purtroppo non c'è stato niente da fare, anche se i medici hanno lottato fino all'ultimo per inseguire un miracolo» lo sfogo del proprietario del cane, affidato ad un posto commosso su facebook che ha ricevuto grande solidarietà da tutta la comunità gualdese. «Una telefonata alle 2 di notte ha posto fine alle nostre speranze. Perdo in un colpo solo un amico, un compagno di giochi e un componente della famiglia. Il ritorno a casa non sarà mai più lo stesso senza di te a portarmi un gioco o semplicemente a corrermi incontro per salutarmi. Perderti così, a 4 anni e mezzo e in piena salute per il gesto vigliacco e infame di uno scellerato bastardo, non mi permette di trovare pace. Potrei dire tantissime cose a chi ha fatto questo ma non servirebbe a riportarti qui».
Purtroppo, non è il primo caso di esche e bocconi avvelenati che si registra a Gualdo Tadino anche se le sanzioni per chi compie gesti del genere non sono lievi. Peraltro, l'episodio drammatico di Ares è avvenuto in una delle zone più frequentate dai gualdesi per le loro passeggiate.
Francesco Serroni
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA