«Treppo Grande dia la cittadinanza a Segre» Parte la proposta di iniziativa popolare

Giovedì 12 Dicembre 2019
LA PROPOSTA
TREPPO GRANDE (cdm) Volantini distribuiti in paese e affissi nei bar: così anche a Treppo Grande è partito il tam tam a sostegno di una proposta di iniziativa popolare indirizzata al sindaco per chiedere che alla senatrice Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto, venga concessa la cittadinanza onoraria del Comune collinare.
Un'iniziativa che entra nel vivo proprio dopo che un altro comune, Gorizia, in consiglio non ha dato l'ok ad un analogo riconoscimento civico per Segre. Come spiega Giordano Menis, l'ex sindaco primo firmatario della proposta, sostenuta anche da «alcuni ex amministratori», l'iniziativa a Treppo Grande è nata sull'onda di una mozione (di cui ricalca i contenuti), per il contrasto ai fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo, istigazione all'odio e alla violenza approvata dal consiglio comunale con i voti della minoranza, ma con l'astensione della minoranza. La scelta del centrodestra di astenersi ha convinto i promotori della proposta a portare l'idea della cittadinanza onoraria a Segre nelle piazze. Visti gli atti consiliari i promotori sono convinti che «la richiesta venga accolta e votata dal Consiglio comunale, rafforzando in tal modo i sentimenti di una Comunità che ha dato i natali a molti protagonisti, oltre che vittime, della lotta partigiana ed il cui territorio e tessuto sociale sono stati un importante riferimento per la lotta di Liberazione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA