Prenotazioni ad ostacoli L'Azienda corre ai ripari

Venerdì 26 Novembre 2021
Prenotazioni ad ostacoli L'Azienda corre ai ripari

LA CAMPAGNA
UDINE (R.U.) Terza dose (ma anche prima in alcuni casi) ad ostacoli nei giorni scorsi. Con agende che sembravano polverizzate, a causa - pare - della mancanza di personale dedicato ai vaccini. Ma poi AsuFc è corsa ai ripari e ieri sera ha potuto tirare fuori dal cappello altri 26mila posti per altrettante inoculazioni di siero anticovid nelle prossime due settimane.
IL NODO
Fino alla giornata di ieri diversi cittadini avevano riscontrato delle difficoltà a trovare un posto disponibile in tempi brevi in provincia: cliccando su Sesamo, infatti, sulla schermata per le prenotazioni spesso comparivano solo appuntamenti solo nelle altre due aziende sanitarie della regione, Asugi e Asfo. Ma anche a volersi prenotare al Cup o nelle varie farmacie abilitate la musica non cambiava, tanto che a segnalare i disagi per le prenotazioni per la terza dose del vaccino anticovid era stato anche il capogruppo del M5S in consiglio regionale Cristian Sergo. «L'app online non permette di prenotare la terza dose Pfizer in tutta la provincia di Udine, mentre ad oggi sono disponibili solo due date in Asfo, entrambe per il 2022 (Maniago il 7 gennaio e Pordenone l'11 gennaio), e quattro in Asugi (Monfalcone il 1° dicembre, Muggia il 13 dicembre, Gorizia il 21 dicembre e Porto Vecchio a Trieste il 22 dicembre)», aveva scritto in una nota ieri. «Un problema, essendo il Pfizer il vaccino che ha avuto più somministrazioni in Regione, ma soprattutto un disagio per chi deve fare molti chilometri per raggiungere i centri vaccinali a disposizione. Disagio doppio se pensiamo alla popolazione anziana che deve vaccinarsi per prima. Queste disponibilità sono da rivedere e sicuramente implementare quanto prima. Ciò che notiamo con stupore conclude Sergo - è constatare che AsuFc non dia la possibilità di prenotarsi nei centri della provincia di Udine per la prosecuzione della campagna vaccinale, fondamentale per passare il periodo natalizio nel miglior modo possibile».
LA RISPOSTA
E la risposta è arrivata con i 26mila posti disponibili nelle prossime due settimane fra l'ente Fiera di Martignacco, Gemona Le Manifatture e l'ospedale di Palmanova, che AsuFc ha recuperato «per venire incontro alla grande domanda di vaccinazione della popolazione e con l'obiettivo di garantire il massimo accesso possibile a questo presidio di prevenzione, grazie al contributo dei professionisti sanitari tutti». In una nota AsuFc ha fatto sapere che «saranno disponibili i vaccini Pfizer e Moderna, entrambi al pari valevoli per la vaccinazione booster.  Le prenotazioni saranno possibili a partire da venerdì 26 novembre mattina. Sono inoltre previste nelle prossime settimane anche sedute aggiuntive per i dipendenti nelle diverse sedi aziendali». L'Azienda ha anche spiegato che «il ritardo ed eventuali disservizi che si sono verificati e potranno nuovamente verificarsi sono dovuti al fatto che le terze dosi si aggiungono alla già notevole mole di lavoro per la campagna vaccinale delle prime e seconde dosi delle persone che non hanno ancora completato il ciclo vaccinale e al fatto di garantire la continuità dei servizi in un momento di recrudescenza del virus». L'Azienda ha anche fatto sapere che dal 29 novembre in Carnia riapriranno i centri vaccinali di vallata (Tolmezzo, Ampezzo, Paluzza, Paularo, Ovaro) per le dosi booster anti Covid. Per favorire la vaccinazione degli abitanti della Carnia, la prenotazione è riservata alle farmacie locali e Centri unici di prenotazione (Cup) locali. AsuFc ha voluto ricordare «che ad oggi il grande lavoro di tutti gli operatori ha permesso 723.806 somministrazioni di vaccino che si traducono in 389.723 persone vaccinate e una copertura della popolazione residente (maggiore di 12 anni) pari all'82,5% della popolazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA