MIGRANTI
UDINE Nuova ondata di rintracci in Friuli tra il pomeriggio di lunedì,

Mercoledì 27 Ottobre 2021
MIGRANTI UDINE Nuova ondata di rintracci in Friuli tra il pomeriggio di lunedì,

MIGRANTI
UDINE Nuova ondata di rintracci in Friuli tra il pomeriggio di lunedì, la notte e la mattinata di ieri. Torna a fasrsi strada, dunque, l'onda di arrivi legati alla rotta balcanica che da tempo sta interessando in particolare la zona trieestina, ma di fatto l'intero Friuli. Oltre una settantina quelli individuati dalle forze dell'ordine.
CASTIONS
Circa cinquanta sono stati fermati intorno alle 2 a Castions di Strada. Sono stati notati, mentre camminavano al buio a bordo strada, da diversi automobilisti che hanno allertato il 112. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Mortegliano e anche di altre Stazioni della Compagnia di Latisana per l'identificazione e il successivo trasporto con le corriere alla ex Caserma Cavarzerani di Udine, dove sono stati avviati a triage e quarantena fiduciaria perché provenienti da Paesi a rischio.
IN FILA INDIANA
Camminavano piano, in fila, lungo la Napoleonica, con le coperte sulle spalle. Alcuni si erano diretti verso i campi. Le forze dell'ordine li hanno raggiunti e soccorsi. I gruppi sono stati notati lungo la strada che dalla zona di San Giorgio di Nogaro e Castions di Strada, passando per Mortegliano, conduce a Udine. Altri gruppi numerosi sono stati individuati anche alle porte del capoluogo friulano, in zona Sud, all'altezza della rotonda tra via Pozzuolo e via San Paolo e in via Lumignacco. I migranti sono entrati irregolarmente sul territorio nazionale, verosimilmente trasportati da passeur lungo la autostrada A4.
LE NAZIONALITÁ
Si tratta di cittadini di diverse nazionalità: pakistani, afghani e del Bangladesh, tutti maggiorenni, senza documenti e in buone condizioni di salute, eccetto uno che è stato accolto all'ospedale per alcune lesioni alla testa, forse provocate da una caduta accidentale. Nel pomeriggio di lunedì invece, in via Cividale, a Udine, i Carabinieri della Stazione di Udine Est hanno individuato un migrante che si è di fatto presentato in via Cividale in prossimità dalla ex Caserma Cavarzerani dove poi è stato accolto e dove ha richiesto asilo. Sempre lunedì pomeriggio un altro minore si è presentato, in prossimità di una struttura del capoluogo friulano.
DROGA
Gli agenti delle Volanti della Questura friulana nella giornata di lunedì, hanno deferito in stato di libertà all'Autorità Giudiziaria due ragazzi per detenzione illecita di stupefacente. Durante un servizio di controllo del territorio, finalizzato a reprimere il fenomeno dello spaccio di stupefacente nella zona del parco Moretti, verso le 14, gli agenti di una Volante hanno controllato un giovane che, dopo essersi intrattenuto con altra persona poi allontanatasi, si era incamminato verso di loro. Apparso da subito insofferente, ha consegnato ai poliziotti una pallina di hashish di neanche un grammo di peso, a suo dire appena comprata, ed un coltellino. Gli agenti hanno poi deciso di approfondire il controllo in ufficio ed in effetti hanno trovato, nascosto all'interno di una scarpa del giovane, un mezzo panetto di hashish per ulteriori 40 grammi circa di peso ed un bilancino di precisione, sostanza evidentemente destinata alla successiva rivendita. Il ragazzo, cittadino italiano residente in provincia che compirà 18 anni fra pochi giorni, è stato quindi deferito all'Autorità Giudiziaria competente per la detenzione illecita della droga ed il possesso ingiustificato del coltello. In mattinata invece un'altra Volante ha identificato un giovane, cittadino straniero 21enne residente in città, in un'area verde nei pressi del parcheggio multipiano di via Magrini, intento a fumare con una donna vicino ai giochi dei bambini. Anche in questo caso il giovane ha consegnato spontaneamente un grammo circa di marijuana, ma solo per nascondere gli altri 11 grammi, frazionati in dosi diverse, che celava in una tasca. Al termine del controllo è stato pure lui denunciato per la detenzione illecita dello stupefacente.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA