Giovedì 20 Giugno 2019, 00:00

SUSEGANA
«Sono un ladro, non un maniaco e tanto meno un pedofilo».

SUSEGANA«Sono un ladro, non un maniaco e tanto meno un pedofilo». Si era difeso così durante la sua deposizione il sessantenne autista dello scuolabus dell'associazione coneglianese Anteas finito a processo con l'accusa di violenza sessuale su una ragazzina disabile mentale, che al tempo dei fatti, avvenuti nell'aprile del 2016 nel tragitto da Susegana a Colfosco, aveva 17 anni.«Mi ha costretto ad alzare la maglietta e mi ha toccato il seno» lo aveva accusato la giovane riferendo l'episodio alla madre, che poi aveva sporto denuncia. «Mi...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
SUSEGANA
«Sono un ladro, non un maniaco e tanto meno un pedofilo».
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER