Addio a Renzo Carnio, campione d'Italia juniores col Treviso calcio

Lunedì 3 Gennaio 2022 di Michele Miriade
Addio a Renzo Carnio, campione d'Italia juniores col Treviso calcio

TREVISO - Un altro lutto per il Treviso calcio campione d'Italia juniores nella stagione 1967/68. Dopo Luigi Netto, storico pasticcere della città, e Vittorio Zanini, ex assessore e ginecologo, a 72 anni è scomparso a Varese anche Renzo Carnio, nato a Roncade nel giugno del 1949 (dove lascia tanti parenti e amici così come a Treviso) e cresciuto calcisticamente prima proprio a Roncade, giocando come attaccante di destra, e poi appunto al Treviso. Carnio era uno dei titolari di quella squadra juniores, guidata da Piero Bortoletto con capitano Silvano Colusso, che ebbe la meglio ai rigori nella finale scudetto il Giulianova: realizzò uno dei tre tiri dal dischetto. Debuttò poi in serie C, con allenatore Gigi Radice, nel derby contro il Venezia (0-0) del giugno 1969. Poi si trasferì a Porto Ceresio (dove oltre a giocare aveva intrapreso l'attività di ristoratore con i genitori e cugini), e alla Pro Patria. Da anni però abitava a Varese, dove è morto l'1 gennaio per un arresto cardiaco: era ricoverato in ospedale da una settimana per un infarto e un incidente in casa. Andato in pensione, si dedicò a poesia e a scrittura, pubblicando anche Ciacole e altre storie dove ricorda i suoi trascorsi calcistici e quel debutto al Tenni davanti a 10mila persone nella formazione che, oltre a lui, comprendeva Casagrande, Sirena, Paladin, Zahtila, Bellina, Valdinoci, Spangaro, Goffi, Colusso e Cei. Rimasto vedovo dell'amata moglie Iginia Frasconi nel 2017, lascia il figlio Matteo, la nuora e una nipote.
 

Ultimo aggiornamento: 16:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci