Montebelluna, scritte contro i medici La pista: potrebbe essere uno studente

Giovedì 18 Febbraio 2021

(l.bon) Si è fermato esattamente per un mese, dopo aver inquietato per settimane, con un ritornello spaventoso, chi è transitato lungo via Ca' Mora e nei pressi dell'ospedale vecchio, lungo via Ospedale. Ora il writer seriale è tornato a colpire nella notte di carnevale, con quello stesso medici corrotti e assassini che ha fatto arrabbiare tutti. Identico il messaggio, identica la strada presa d'assalto, identica la mano che ha tracciato la scritta, identica la rabbia che ha trasmesso in chi, ieri mattina, l'ha notata. Diffondendo poi la notizia dell'ennesimo oltraggio. Che però, questa volta, non è stato attuato nel fine settimana, come è accaduto nelle precedenti circostanze, ma di martedì sera. Un elemento comune potrebbe, però, essere rappresentato dal fatto che anche in questo caso si è trattato di un giorno particolare, in cui le scuole sono ferme. Possibile pensare, allora, a uno studente o a chi, comunque, abbia maggiore libertà di movimento rispetto a altri momenti? Il rebus è, al momento, più che mai confuso. Anche se per rintracciare il writer seriale si sono mosse, nelle scorse settimane, le forze dell'ordine, si è mossa l'Usl, preannunciando delle telecamere ad hoc, si è mosso il Comune, che ha cercato di cancellare le tracce. Le quali, però, un mese dopo sono tornate. «Questa vicenda sta diventando paradossale - dice Davide Quaggiotto, del Pd - Auspichiamo che si ponga fine a questi continui atti vandalici». «Io posso pensare solamente a uno squilibrato - aggiunge il sindaco Elzo Severin - che magari agisce da solo e che probabilmente ha perso una persona cara, ma non ha basi legali per denunciare. So che le Forze dell'ordine stanno indagando, ma i risultati, che io sappia, al momento non sono arrivati».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA