IL CASO
TREVISO Vede due donne che portano il velo islamico e in lui scatta qualcosa.

Lunedì 15 Giugno 2020
IL CASO TREVISO Vede due donne che portano il velo islamico e in lui scatta qualcosa.
IL CASO
TREVISO Vede due donne che portano il velo islamico e in lui scatta qualcosa. Prima le aggredisce verbalmente, poi le minaccia tirando fuori un coltello da cucina. Protagonista della vicenda un 57enne trevigiano, che ora dovrà rispondere di minacce aggravante dall'odio razziale e porto abusivo di oggetti atti a offendere. L'episodio si è verificato nel tardo pomeriggio di venerdì in un centro commerciale di Bologna, dove attualmente l'uomo risiede. In passato non aveva mai avuto atteggiamenti del genere, e dal commissariato Due Torri hanno precisato che l'uomo non era seguito dalle autorità sanitarie per disturbi mentali. Difficile dunque giustificare con un semplice momento di follia quello che è stato capace di fare il 57enne. Un vero e proprio atto di intolleranza che, in una città come Bologna, ha destato un certo scalpore.
LA VICENDA
Erano circa le 19 di venerdì quando l'uomo, dopo aver girato per i negozi del centro commerciale come centinaia di altri clienti, si è imbattuto nelle due donne, una 54enne e una 58enne entrambe di origini marocchine, che indossavano il velo islamico. Da anni vivono a Bologna, e non era mai capitato loro di essere destinatarie di atteggiamenti ostili per la loro provenienza e per la loro religione. «Dovete tornare a casa» urla l'uomo, più di una volta. È in preda all'ira. Le donne, tra l'imbarazzato e l'impaurito, continuano a camminare per i corridoi del centro commerciale. Decine di persone assistono alla scena. «Cosa fate con il velo, tornate a casa vostra» ripete il 57enne. Nel centro commerciale cala il silenzio: tutti sono senza parole per l'episodio a cui stanno assistendo. E nessuno si sarebbe mai aspettato quello che sarebbe successo di lì a poco. Non contento dell'aggressione verbale, il trevigiano ha messo una mano nella borsa che aveva con sè, ha tirato fuori un coltello da cucina e, agitandolo verso le due signore, ha iniziato a minacciarle: «Cosa fate col velo - ha ripetuto - siamo in Italia, tornatevene a casa».
L'INTERVENTO
Alla vista dell'arma, e temendo che la situazione potesse degenerare, alcuni presenti hanno chiamato la polizia, che nel giro di qualche minuto è entrata nel centro commerciale. Nel fuggi fuggi generale anche il 57enne ha mollato la presa, ha riposto il coltello nella borsa e ha tentato di darsi alla fuga quando ha sentito le sirene. Si è rifugiato in uno dei bagni del centro commerciale, ma la sua azione non è sfuggita allo sguardo di decine di clienti i quali hanno indirizzato la polizia verso i servizi. A quel punto il 57enne era in trappola. I poliziotti lo hanno trovato spaesato, quasi intimorito e molto confuso. Non sapeva spiegare il motivo per cui aveva reagito in quel modo vedendo le due marocchine col velo. Una giustificazione che non è bastata per evitargli una denuncia a piede libero per minacce aggravate dall'odio razziale e porto abusivo di oggetti atti a offendere.
Giuliano Pavan
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci