Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Goya, Dorè e Piranesi l'arte trova casa al Brolo

Martedì 2 Novembre 2021
MOGLIANO
Si chiama Inferno Paradiso - La nascita della sensibilità moderna. È la rassegna organizzata dal Comune di Mogliano, in collaborazione con il centro culturale Piranesi, che avrà come filo conduttore la letteratura e la storia dell'arte che si sviluppa tra Medioevo ed età contemporanea attraverso manoscritti, incisioni e video. Sarà suddivisa in più mostre d'arte dedicate a Dante Alighieri, Gustave Doré, Francisco Goya e Giambattista Piranesi. «La grande mostra sulle Carceri d'Invenzione di Piranesi è stata la premessa per un percorso che colloca il Brolo quale culla dell'arte incisoria per eccellenza - afferma il sindaco Davide Bortolato - Come Treviso è la città degli Impressionisti, Mogliano diventa il fulcro di un'arte che affonda le radici negli albori della civiltà». «L'omaggio a Dante, a Doré, Piranesi e Goya, attraverso diverse mostre ed eventi collaterali che si svilupperanno fino alla fine del 2022, è testimone della qualità del percorso individuato - prosegue l'assessore alla cultura Giorgio Copparoni - Mi auguro che tutti i moglianesi, e non solo, vogliano recarsi al Brolo per respirare il profumo di un'arte tanto antica quanto moderna, espressione di grandi talenti tra cui Giambattista Piranesi, e che anche il mondo della scuola partecipi a questo bellissimo evento. L'arte è prima di tutto terapia per l'anima, a tutte le età».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA