È della pasticceria Max il miglior tiramisù della città

Lunedì 4 Ottobre 2021
È della pasticceria Max il miglior tiramisù della città

L'EVENTO
TREVISO Il tiramisù più buono, il migliore del 2021, è quello rielaborato, senza mai perdere di vista la tradizione, dalla pasticceria Max di via Canova (e con punto vendita anche a Sant'Angelo). Si è conclusa così la Quarta edizione del Tiramisù Challenge, organizzata dall'Associazione Tiramisù di Treviso in collaborazione con l'Associazione Assocuochi Treviso (della Federazione Italiana Cuochi) e Fondazione Telethon. Manifestazione dedicata al tiramisù fatto in casa, col mascarpone, e che ha come suggestiva cornice il cuore del centro storico, per una giornata meta di intenditori e sogno di tanti golosi. Il tiramisù di Max ha convinto la giuria di esperti che ha dovuto giudicar le quattro ricette uscite vincitrici dalle selezioni della mattina.
LA GARA
Dalle 10 in poi Piazza dei Signori, Piazza Borsa, Loggia Palazzo 300 e Loggia Cavalieri si sono trasformate in altrettante postazioni di cucina, dove cento pasticceri si sono dati battaglia preparando, ognuno a suo modo, la ricetta del dolce più famoso del mondo. E, passando a salutare, il sindaco Mario Conte ha giustamente commentato: «Lo ammetto, oggi invidio i giurati del Tiramisù Day. Il dolce più amato, imitato, interpretato, conosciuto ecercato su Google». Scegliere non è stato semplicissimo, a detta di tutti la qualità dei dolci è stata molto alta. Alla fine la giuria formata dagli Chef di Assocuochi Treviso ha decretato, non senza dubbi e tentennamenti vista la difficoltà della scelta, il migliore tiramisù per ognuna delle postazioni. E i quattro fortunati sono stati ammessi alla finalissima del pomeriggio ospitata negli spazi della Camera di Commercio. Altro giro di dolci e alla fine il responso finale: l'ambasciatore del tiramisù nel mondo, per il 2021, è quello prodotto dalla pasticceria Max, frutto di una sapiente mescolanza degli elementi con un particolare occhio di riguardo al caffè e l'aggiunta del croccantino.
LO SPARTITO
Visibilmente soddisfatto Massimo Albanese, il maestro per tutti Max, chiamato a ritirare il riconoscimento per il miglior tiramisù di Treviso: «Ottenere questo titolo - ha riconosciuto - è anche una bella responsabilità, anche perché la qualità dei tiramisù visti qui è stata eccelsa. Aumentano quindi le responsabilità nei confronti dei clienti, che dovranno essere seguiti ancora meglio. Per noi però non c'è soddisfazione migliore che vedere una persona tornare e ringraziarci per i dolci preparati». Il pasticcere è una missione: «Sì - ammette - i giovani che vogliono intraprendere questo percorso devono essere consapevoli che serve tanta passione perché le difficoltà da affrontare sono molte. Noi lavoriamo quando gli altri fanno festa, per esempio. Servono passione e fantasia per manipolare gli ingredienti, che alla fine sono anche pochi. Ma è come il compositore che ha sette note da utilizzare per lo spartito: mettendole una accanto all'altra crea melodie infinite. E così il pasticcere».
Paolo Calia
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 05:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA