Dovranno rispondere di abuso di correzione

Venerdì 5 Febbraio 2016

I carabinieri di Crocetta del Montello, a conclusione di una indagine minuziosa, hanno denunciato due operatori di una società cooperativa che si occupa del trasporto domiciliare di disabili, dai centri di riabilitazione. Si tratta di un operatore e un volontario di una cooperativa di Castello di Godego che, ora indagati dalla procura della Repubblica di Treviso con l'accusa di abuso di mezzi di correzione per essere intervenuti in modo violento nei confronti di un ragazzo autistico di 15 anni trasportato in un pullman dell'azienda.
Stando alle risultanze investigative, sul finire dell'ottobre scorso, mentre stavano riaccompagnando a casa alcuni giovani, tra i quali un 15enne autistico, si erano trovati a gestire una crisi autolesionistica da parte del giovane autistico, residente a Loria. Ma, anziché intervenire con la dovuta professionalità, che richiede una delicatezza ancora maggiore, a Crocetta hanno fermato il pulmino con cui stavano riaccompagnando a casa i ragazzi. Quindi, hanno fatto scendere il giovane e sotto gli occhi di alcuni testimoni increduli e degli altri ragazzi, hanno ripetutamente percosso il 15enne in piena crisi autolesionistica. Prima con calci agli arti inferiori e pugni al dorso, poi lo hanno colpito al capo con una bottiglia in plastica piena d'acqua.
Un episodio gravissimo che è stato segnalato ai genitori del ragazzino. Da qui è partita la denuncia dei carabinieri. L'attività di indagine dei carabinieri è scattata tempestivamente e dopo quattro mesi i due protagonisti di questa triste vicenda sono stati denunciati e dovranno rispondere del loro comportamento alla Procura della Repubblica.
L'operatore della cooperativa di Castello di Godego, cooperativa che opera in questo settore da diversi anni, avrebbe giustificato questo metodo evidenziando il fatto che doveva arginare una pericolosa crisi autolesionistica. E che, di fatto, era stato preso dal panico. L'uomo lavora ancora nella cooperativa e nei suoi confronti non è stata adottata alcuna sanzione.
Dell'altra persona coinvolta nell'abuso correttivo invece, essendo un volontario, si sono perse le tracce. La sua presenza sarebbe stata soltanto occasionale.

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci