Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Costi troppo alti, gara annullata»

Venerdì 14 Aprile 2017
«Costi troppo alti, gara annullata»
BELLUNO - Tre edizioni tre. Dal lago di Braies a piazza dei Martiri, tutta di corsa notte e giorno, senza sosta per prati e sentieri. Ora l'annuncio: la Dolomiti Sky Run va in pensione. La gara, prevista nelle giornate dal 30 giugno al 2 luglio, è stata annullata. Lo scorso anno gli ultra trailer che hanno corso sotto il cielo per 25-30 ore erano stati 174, di cui 26 bellunesi. Due settimane fa gli iscritti erano 130. Per gli organizzatori non bastano. E a loro inviano le scuse, sottolineando che «le spese di iscrizione saranno interamente rimborsate entro il 30 aprile».
In realtà il problema del forfait è da collegarsi ai costi richiesti dalla macchina organizzativa. Lo spiega Fabio De Mas, ideatore e coordinatore della manifestazione di ultra trailer: «Ci abbiamo messo il cuore e l'anima, ma davanti alla realtà dobbiamo arrenderci. Molti pensano che le gare trail non costino, anzi che gli organizzatori ci guadagnino. Almeno nel nostro caso non è così». Si snocciolano alcune voci di spesa: l'assicurazione per i volontari e la gestione dei ristori. Poi occorrono medici e ambulanze. Ha un costo il materiale per segnare il percorso. Costano i permessi, la pubblicità. Costo, costo, costo. Pare un ritornello.
Eppure la Dolomiti Sky Run è unica, ha il sapore dell'epica, con 10 mila metri di dislivello su 130 km complessivi di percorso. Tant'è che i ritiri vanno dal 40 al 50 per cento. «È una gara che costa almeno 30 mila euro e si finanzia con gli iscritti più i contributi pubblici, sempre incerti. E poi mancano gli sponsor». Il Comune di Belluno, in verità, qualcosa aveva messo sul piatto nell'edizione dello scorso anno: «Ci ha aiutato, ma non abbiamo ancora visto un euro, penso a causa dei tempi della burocrazia». Ma Fabio De Mas non demorde. Se da una parte ringrazia «i volontari che si sono fatti in quattro», dall'altra guarda al 2018: «Potrebbe essere questa solo una pausa», è il suo augurio.
Daniela De Donà

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci