PORTO VIRO
Sarà una manifestazione itinerante quella che sabato vedrà

Giovedì 17 Giugno 2021

PORTO VIRO
Sarà una manifestazione itinerante quella che sabato vedrà la consegna alla città di una serie di opere pubbliche, di opere artistiche che portano colore e bellezza, in una cornice di intrattenimenti musicali e brevi orazioni. Sotto il titolo Be one 21 Porto Viro, s'intrecciano infatti diversi percorsi che sono stati illustrati ieri in municipio: i festeggiamenti per i 25 anni della fusione tra Contarina e Donada, rinviati di un anno a causa della pandemia, simboleggiati da due opere di collegamento quali la pista ciclabile di via IV Novembre e la piazza Caduti Triestini; i 20 anni dal conferimento del titolo di città; la conclusione del festival di street art curato da Wallabe che ha cambiato il volto di alcune pareti nel territorio ed esaltano appunto i valori di unità e inclusione. Affiancata dal vicesindaco Doriano Mancin e degli ultimi sindaci di Contarina e Donada, Gianni Franchi e Alessandro Tessarin, e dal presidente della Pro Loco di Donada, Antonella Ferro, il sindaco Maura Veronese ha illustrato il senso del nuovo disegno della piazza Caduti Triestini, un albero si dirama per rendere vivibile uno spazio che fa da cerniera tra i due quartieri, e l'idea di portare bellezza e colore anche negli spazi attigui e in luoghi simbolo della città.
WALLABE PROTAGONISTA
Federica Sansoni e Daniela Pavan di Wallabe hanno quindi presentato gli artisti di fama nazionale e internazionale che hanno preso parte al festival secondo l'ordine con cui verranno inaugurate le opere a partire dalle 17: il milanese Pao che si è occupato della parete della Ludoteca; il polesano Zeroquerente quella della biblioteca comunale; il serbo Artez quella a fianco della chiesa di San Bartolomeo; per arrivare infine alle 19 nella piazza Caduti Triestini che, oltre al restyling urbanistico, vedrà l'opera del pugliese-milanese Cheone. Gli intermezzi musicali saranno curati dagli allievi della scuola secondaria musicale di Porto Viro e da quelli del Conservatorio musicale Buzzola di Adria, mentre Artinstrada di Adria intratterrà con spettacoli di strada.
Enrico Garbin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA